Trucchi Pokémon Go

Online da oggi il nuovo sito internet di Naxa

L’agenzia di Digital Marketing al servizio delle PMI è da oggi online con il nuovo sito

Bernareggio, 16 febbraio 2016Naxa Advertising, digital marketing agency, dal 2007 è al servizio delle piccole e medie imprese del nord Italia con lo scopo di guidarle nel loro percorso di digitalizzazione. Per perseguire in modo sempre più performante la sua mission in favore delle PMI italiane, Naxa ha deciso di rinnovare completamente il proprio sito web sia nella veste grafica che in termini di usability.

 

Il nuovo layout di naxa.ws si ispira alle più moderne logiche di material design attraverso le quali vuole offrire un’esperienza unificata tra diverse piattaforme agevolando così la customer experience del proprio target di riferimento. Grazie al material design le interfacce grafiche si comportano come oggetti reali adattandosi alle varie situazioni e lo spazio, il colore, il font, i grassetti creano una gerarchia in grado di guidare l’utente nella navigazione.

 

“L’obiettivo è garantire un facile accesso alle aziende” ha dichiarato Paolo Sirtori, Amministratore delegato di Naxa “che sul nostro sito hanno la possibilità di utilizzare tool all’avanguardia per calcolare il proprio posizionamento o il proprio rank sul web. In altre parole il nuovo sito web di Naxa non è solo il canale con cui la nostra Digital Marketing Agency vuole farsi conoscere, ma vuole essere anche una fonte di informazioni e risorse per i meno esperti. Questo tipo di orientamento riflette il forte impegno della nostra società verso le piccole medie imprese”.

 

“Più della metà delle 400 aziende italiane nostre clienti” continua Sirtori “oggi trae oltre l’80% del proprio fatturato dal web. Un risultato che è stato raggiunto anche grazie al servizio taylor made che Naxa è stata in grado di cucire loro addosso. Con il nuovo sito vogliamo far crescere queste percentuali e aiutare sempre più realtà a ottimizzare il proprio

business”.

 

Per maggiori informazioni:

 

 

Per ulteriori informazioni:

Ufficio stampa Naxa

Elisa Colombo

Telefono: 039-9253253

Mail: info@naxa.ws

 

NAXA Advertising srl

Fondata nel gennaio del 2007 come agenzia SEO, Naxa è oggi una Digital Marketing Agency completa e capace di rispondere proattivamente alle evoluzioni del mercato web. Offriamo soluzioni intelligenti per piccole e medie imprese e seguiamo progetti evoluti per grandi realtà aziendali. Un team di 20 professionisti lavora al successo delle vostre strategie di marketing digitale.

Commenti

Il Web Marketing delle aziende di Busto Arsizio

Negli ultimi periodi le aziende di Busto Arsizio che operano nel settore del Web Marketing hanno riscosso un successo importante, e sono state molto stimate per la qualità dei servizi proposti.

Clienti di queste aziende sono aziende di ogni dimensione e professionisti, ma anche semplici webmaster che desiderano ottenere il meglio dal proprio sito web, anche in termini di ritorni economici.

Quali sono, dunque, i servizi che queste web agency propongono alla clientela?

Il servizio base è sicuramente relativo alla realizzazione, con relativa progettazione, di siti web a Busto Arsizio, con soluzioni specifiche per ogni esigenza.

Oltre ai siti web classici, le migliori web agency consentono di creare anche degli e-commerce, utilissimi per sfruttare a pieno le potenzialità del web dal punto di vista del commercio, o anche degli innovativi siti Responsive, ovvero dei siti strutturati in modo tale da rendere la navigazione efficace e piacevole anche da dispositivi Mobile.

Tra le strategie di Web Marketing, la più efficace in assoluto è rappresentata certamente dal SEO, acronimo che sta per Search Engine Optimization.

Questo tipo di ottimizzazione consente di collocare un sito web tra i primissimi risultati offerti dal motore di ricerca, sulla base di determinate keyword, offrendo così un vantaggio competitivo davvero molto importante, anche in considerazione del fatto che è abitudine dei navigatori quella di limitarsi a visualizzare esclusivamente i primi proposti dalla pagina del motore.

Altre strategie di Web Marketing che si sono rivelate molto importanti sono tutte quelle che riguardano il Social Media Marketing, tra cui rientrano le attività promozionali in Facebook, le campagne pubblicitarie di tipo Pay per Click, e perfino il Viral Marketing.

 

Commenti

Corso Regionale in Tecniche di Marketing e Vendita Turistica 2.0

Il corso in “Tecniche di Marketing e Vendita Turistica 2.0″ offre a tutti l’occasione di gestire in maniera strategica e operativa la comunicazione, la promozione e la commercializzazione di una struttura ricettiva ed extra ricettiva su Internet, usando in maniera efficace e profittevole gli strumenti che la rete e le recenti tecnologie mettono a disposizione.

Il corso permette, anche a chi si sta affacciando nel mondo del lavoro nel settore alberghiero ed extra alberghiera, di munirsi delle necessarie conoscenze, metodi e pratiche operative affinché possa collocarsi su un mercato dove la richiesta di queste figure è in costante crescita.

Il corso in “Tecniche di Marketing e Vendita Turistica 2.0″ permetterà di:

  • gestire la presenza web di una struttura ricettiva nei motori di ricerca e nei canali di vendita diretta
  • comunicare il brand della struttura ricettiva attraverso i social network
  • gestire in maniera operativa i software online dei canali IDS/OTA (Booking.com, Expedia, etc.)
  • gestire e ottimizzare il software di prenotazione online da utilizzare sul proprio sito web
  • rendere più profittevole le vendite online tramite politiche tariffarie dinamiche
  • scegliere la migliore distribuzione delle disponibilità nei canali di vendita
  • e tanto altro ancora…

Il corso sarà molto operativo, poche slide teoriche ma molta pratica per permettere agli iscritti di mettere subito in campo gli insegnamenti ricevuti.

Programma:

19-10-13

Web Marketing Turistico, Docente Arturo Salerno

26-10-13

Social Media Marketing, Docente Giovanni Cerminara

09-11-13

Gestione IDS e Intranet OTA, Docente Massimiliano Gianluca Miceli

16-11-13

Channel Manager e Booking Engine, Docente Nicola Zoppi

23-11-13

Revenue Management, Docente Fabio Badolato

Durata delle lezioni 7h, dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00

Costo: € 390,00

Modalità di pagamento:

Unica soluzione tramite Bonifico Bancario o consegna a mano nella sede dell’Associazione. Per chi opta per il bonifico bancario dovrà inviare la ricevuta del pagamento entro e non oltre le ore 18:00 del giorno 11 ottobre 2013

Numero minino:

Il corso sarà attivato al raggiungimento di un numero minimo di iscritti pari a 12. In caso di non raggiungimento del numero minimo, a ciascun iscritto sarà restituita la quota utilizzando il metodo di pagamento usato per l’iscrizione.

Materiale didattico:

A ciascun iscritto sarà fornito materiale didattico cartaceo per prendere appunti durante le lezioni.

Attestati:

A ciascun iscritto sarà consegnato un attestato di partecipazione al corso.

Destinatari:

Studenti universitari, direttori d’albergo, gestori di strutture extra-ricettive (b&b, agriturismo, etc), personale alberghiero, disoccupati o inoccupati

Tipologia:

Corso tecnico – pratico

Competenze:

Uso medio del PC e conoscenza dei principali software per la navigazione web

Per info e prenotazioni: 098434217 – associazione.welike@gmail.com

Commenti

Web agency e l’ architettura organizzativa

Una web agency è una agenzia specializzata in tutto quello che concerne il web, comunicazione, creatività, user experice, web marketing, campagne seo, campagne sem, campagne ppc campagne ppl, sviluppo di applicazioni, ecommerce, app , web site statici e dinamici, responsive design, creazione di banner, landing page, social media, sistemistica, copy ecc.
Nello specifico sia per la creazione di applicazione online che per un sito o un ecommerce sono necessarie diverse figure chiave tra cui sicuramente un esperto in user expericence affinchè la fruizione dei contenuti la navigazione e la creatività consentano di avere una esperienza utente positiva, migliorando cosi anche la brand image. E’ essenziale la figura del direttore creativo, cosi come quella del responsabile IT, dell’ esperto in social media, del seo strategist e dell’ esperto in pubblicità ppc, ppl ecc. per fare si che una qualsiasi applicazione web sia creata a regola d’arte sia creata in funzione del target di riferimento e sia correttamente promossa sia sulla ricerca organica che a pagamento o attraverso circuiti specializzati in ppl. Oggi un’altra forma di promozione molto efficace è quella dei social network, e quindi anche la figura del social media strategist risulta molto importante ed essenziale nella promozione di un prodotto o di un brand.

La coordinazione dei team di lavoro in precedenza spettava direttamente al project manager, ma con l’ampliarsi dell’offerta, molte web agency, ormai digital agency, hanno preso un’altra direzione, cioè far fare il pm al responsabile di progetto, che potrebbe essere un creativo, un esperto un user experince, uno sviluppatore un seo strategist, a seconda del tipo di progetto e della strategia generale. Questo perchè le conoscenze orizzontali e verticali di ogni singolo elemento delle web agency o digital agency si sono molto ampliate sia per la capacità di apprendimento che è necessaria per essere sempre un passo avanti, sia per l’alta competitività del settore. La congiuntura economica ha aiutato un processo che già si stava determinando naturalmente.

Oggi i vecchi Pm sono i nuovi direttori di dipartimento o figure professionali con conoscenze orizzontali capaci di rispondere a tempi sempre più stretti e budget sempre meno consistenti con qualità più elevata. La competizione ha fatto molto in questo senso, la necessità di avere figure professioni direttamente coinvolte ha consentito di avere stime più credili e maggiore velocità di quantificazione e realizzazione. Un esperto in usabilità con conoscenze verticali elevate per quanto riguarda quelle specifiche e orizzontali molto elevate, darà direttive veloci ad un copy, impiegherà pochissimo tempo ad accordarsi con un art, sarà in grado di delineare perfettamente quali sono le caratteristiche del software da sviluppare e sarà in grado di accordarsi con il seo strategist per stimare tempi e costi per la promozione del progetto. Lo stesso possiamo dire di un responsabile It con conoscenze verticali elevate per il suo intorno, e orizzontali abbastanza elevate per relazionarsi con il team.
Quindi non è più indispensabile la figura del Pm come persona chiave del progetto, ma ne possono fare le veci, persone con certe caratteristiche provenienti da vari settori.

Questa rivoluzione ha cambiato in positivo i costi, abbattendo fortemente le tempistiche e diminuendo esponenzialmente il numero di riunioni.
Migliorare le performance e incentivare l’autoformazione è l’obiettivo di tutte le web e digital agency. Molte ci riescono con successo partendo proprio da aver rivoluzionato la loro architettura interna. Una Web Agency di successo è sicuramente quella che sa offrire soluzioni innovative, sperimentare costantemente, evolversi velocemente, progettare intorno alle esigenze del cliente, con creatività, professionalià, qualità. Ogni progetto è una sfida, per ogni sfida occorre un team strategicamente pensato per affrontarla e gestirla in tutte le sue dinamiche.

http://www.fe-el.com

Commenti

Consulenza social media marketing

I social media rappresentano la principale forma di community online di questo decennio. Il termine social media, media sociali in italiano, rappresente un insieme eterogeneo di elementi: fanno parte dei social media i social network, video sharing network, art sharing, comunità blog/forum 2.0 e molto altro.
A differenza dei media tradizionali, i social media si differenziano per numerose caratteristiche:

  • – La piattaforma generalmente è liberamente accessibile e fruibile da chiunque
  • – I visitatori e i creatori di contenuti sono la stessa persona
  • – Non vengono imposti filtri editoriali o di alcun genere
  • – L’interscambio di informazioni tra conoscenti e amici è massimo

Data l’importanza di queste nuove piattaforme, le aziende che vogliono operare sul web devono necessariamente affidarsi a una consulenza specifica di social media marketing: il social media marketer è quella figura professionale che si occupa della visibilità dei siti all’interno dei canali social media come ad esempio, ma non esclusivamente, i social network.

I social media, se ben sfruttati, possono essere un’ottimo mezzo per veicolare pubblicità e per accrescere la popolarità/capillarità del brand aziendale. Oltre al posizionamento nei motori di ricerca, altra branca del web marketing, anche la visibilità nei social media gioca un ruolo fondamentale per ottenere il risultato finale.

Attraverso delle campagna di viral marketing, ad esempio, è possibile ottenere una visibilità elevatissime in tempi molto brevi, a patto di indovinare la strategia virale vincente.

Esistono numerosi professionisti e agenzie che si definiscono i migliori in questo settore: per questo è necessario consultare più fonti e cercare più professionisti possibili per confrontarli e scegliere il consulente migliore per la propria attività.

Commenti

EspertoSEO.com – Web Agency SEO

L’ottimizzazione di siti per i motori di ricerca è una moderna attività informatica che ha come ultimo fine, quello di aumentare in modo sostenibile e duraturo la visibilità online dei siti web. I motori di ricerca utilizzano degli algoritmi interni per stabilire quali siti debbano “posizionarsi” meglio per determinate parole chiave. E’ proprio per questo che c’è bisogno di un consulente di web marketing, ossia quella figura informatica che ha elevate conoscenza in ambito di Media & Business Marketing, che sono adeguate a modificare i siti web per renderli più appetibili per i motori di ricerca.
La figura del consulente marketing viene spesso associata a quella del cosidetto seo specialist, che è la figura tecnica incaricata dell’ottimizzazione vera e propria del codice, del CMS, dei contenuti, ecc.

Quando più specialisti si riuniscono in un’unica società, si parla di Web Agency. EspertoSEO è un’agenzia SEO leader a livello nazionale, che ha gestito più di 400 clienti in oltre 10 anni di attività. EspertoSEO gestisce numerosi business differenti, dal piccolo agriturismo sino alla grande multinazionale, garantendo ottimi risultati duraturi e rapidi per tutti. Il fondatore di EspertoSEO, Emanuele Tolomei, è docente della Ninja Academy, consulente presso SEOCoach, relatore al SEOTraining e docente del Master SEO. In più Danilo Petrozzi, specialista SEO neo-assunto, ha vinto il torneo SEO Contest 2012 nazionale indetto da SEOTraining, aggiudicandosi uno dei premi più ambiti del settore.
Il posizionamento organico e la visibilità in generale di un’azienda, non possono essere affidate a un professionista qualsiasi. In un periodo di forte recessione economica e di frequenti aggiornamenti all’algoritmo di Google, è necessario affidarsi un’agenzia SEO di rilevanza nazionale: EspertoSEO, negli ultimi anni, non ha mai avuto clienti penalizzati nei motori di ricerca e, oltretutto, tutti i business gestiti direttamente da noi sono in costante crescita e rafforzamento, in termini di posizionamento SEO e revenue.

Commenti

WHR 2012: due le giornate dedicate ai Lab

WHR 2012: due le giornate dedicate ai Lab

Protagonisti della IV^ edizione i Laboratori pratici di Revenue e Web Marketing, Social e Brand Reputation

Con oltre 60 Seminari di quasi due ore ciascuno sulle Revenue e sulle Web strategy, il WHR torna quest’anno con un grande novità: saranno 35 i Laboratori pratici dedicati al Revenue & Online Distribution e al Web Marketing, Social e Brand Reputation che coinvolgeranno i partecipanti di questa IV^ Edizione, in maniera strettamente operativa ed interattiva.Le quattro giornate dell’evento saranno così articolate: 20 e 21 Novembre 2012 – WHR LAB; 22 e 23 Novembre 2012 – WHR SEMINAR.Ancora una volta, l’annuale appuntamento formativo internazionale che riunisce gli esperti del ricettivo alberghiero torna a Roma nella splendida cornice dell’Hotel Capannelle ed ancora una volta si riconferma la principale manifestazione in grado di abbracciare in ottica Revenue e Web Marketing le tematiche relative al comparto turistico e al settore dell’ospitalità, fornendo gli strumenti necessari per confrontarsi ed aggiornarsi professionalmente.Assoluta novità di quest’anno è la formula WHR WEEK, con percorsi Tematici su Revenue & Online Distribution e Web Marketing, Social e Brand Reputation.E mentre il Programma del Seminar è in fase di ultimazione, sono già online gli interventi dei relatori protagonisti del WHR Lab, le due giornate di formazione che precederanno gli interventi del WHR Seminar.Tra i relatori del Day 1 che presenteranno percorsi tematici su Revenue & Online Distribution ritroviamo Danilo Pontone e Alessandro Fontana di Hotel 2.0 che proporranno un intervento incentrato su “Hotel Brand & Social Mobile Engagement: Pinterest, Instagram e Foursquare”, mentre Franco Laico del Team di Franco Grasso terrà il Lab “Il prezzo di vendita delle camere deve salire. Ma quando e perché?”.Tra i relatori della sessione Web Marketing, Social e Brand Reputation che presenzieranno il Day 2, invece, ritroviamo Paola Pellegrini di GP Dati, con il Lab “Forecasting della domanda alberghiera: modelli e algoritmi matematici a disposizione del revenue manager”, oltre a Roberto Vigani e Andrea Cappello di Vertical Booking, che parleranno dell’Analisi comparata delle conversioni, di investimenti su Social Media, Travel Communities e Motori di Ricerca.Il WHR potrà accogliere un massimo di 300 operatori nei Lab e 600 nel Seminar, con iscrizioni a numero chiuso ed in ordine cronologico di arrivo. I partecipanti – a seconda dei propri interessi – hanno la possibilità di iscriversi all’intero percorso WHR Week, alla sessione Lab oppure alla sessione Seminar.Ufficio Stampa e Comunicazione WHRMaria Antonietta Tortola | 377/2806165Adriana Pizzi | 0865/415467

Commenti

Vendere all’estero con il web su Trentasei scegli il paese

Vendere all’estero è ora più di prima una interessante possibilità per chi non ha voluto o potuto provare in passato in quanto la rete e le nuove forme di comunicazione permettono a costi e rischi accessibili anche alle piccole imprese di sperimentare nuove forme e canali di vendita Web Marketing Geografico

Viviamo in un’epoca di comunicazione globale. Non importa in quale paese iiviamo, le nostre abitudini, quali sono i lavori che facciamo o qualunque sia la nostra vicinanza a certe città, siamo i  membri di una comunità globale. I modi e i mezzi per dare informazioni della nostra presenza possono essere molto differenti, ma stanno diventando sempre più simili e così è l’informazione stessa. La pubblicità è solo un’altra forma di comunicazione che porta il flusso di informazioni avanti e indietro, tra persone e organizzazioni. Oggi, una varietà di mezzi di comunicazione sono disponibili per la pubblicità, per qualsiasi organizzazione che ha qualcosa da vendere o qualcosa da dire. Veniamo bombardati da qualsiasi cosa dalla televisione o semplice pubblicità su riviste di campagne di direct mail per le sponsorizzazioni.

La globalizzazione e la pubblicità sono due fenomeni che ultimamente occupano una parte considerevole della nostra vita. Vediamo una serie di immagini  e la rappresentazione di “straniero”  sempre più vaga e indefinita. Si tratta di una tendenza molto utilizzata  per attirare la nostra attenzione come consumatori. Molti settori come i trasporti, viaggi e banking lo usano ampiamente . Molte delle industrie high-tech, quali produttori di computer, ISP (Internet Service Provider), i fornitori multimediali, produttori di elettronica di consumo pure. Vediamo un produttore italiano vendere il suo olio d’oliva per i clienti in Ohio attraverso Internet, un suonatore di musica indiana vende la sua musica in Australia, il riso taiwanese di un piccolo villaggio dice a un finlandese “Sono qui!” , come per affermare il fatto che essi esistono anche nel mondo-hi-tech. Tuttavia, anche se i messaggi sono simili il significato può essere diverso per tutti. E’ qui che la fantasia può andare al potere e a parte limitazioni nazionali ed economiche, ovviamente non ha senso vendere un prodotto le cui spese di spedizione sono oltre il 50% del costo del prodotto stesso, ma oltre al cliente finale potrebbe comuque esistere una persona azienda nel mondo interessata a rivendere fisicamente il nostro prodotto o servizio nel suo paese fosse l’Albania o lo Zimbabwe !

Se guardi il mondo scopri che siamo l’ 1 % scarso della popolazione mondiale e scenderemo eppure siamo tra il settimo e l’ottavo posto dei paesi esportatori
La percezione estera verso l’Italia è migliore di quello che pensiamo noi e chi vende prodotti o servizi di qualità e non sta vendendo all’estero ha oltre il 99 % di potenziali clienti   CHE NON SANNO NEPPURE CHE ESISTE…..

Entra nello stato che ti interessa compila il modulo per:
1) Condividere info sulla vendita online/offline in quello stato
2) Chiedere informazioni su come vendere in uno stato particolare
3) Proprietari di siti che vendono già e vogliono espandere il mercato
4) Ricerca di rivenditori esteri / Partner commerciali
5) Sei straniero e vuoi vendere nel tuo paese di origine

 

 

 

 

Commenti

Search Marketing: studiare il comportamento degli utenti per migliorare la ricerca delle keyword

Anche se è importante prendere in considerazione il ROI nello sviluppo di una strategia di search marketing, ci sono molti altri fattori da considerare per ottenere il successo a lungo termine di un business online. Tipicamente in una campagna di posizionamento nei motori di ricerca, il primo e più critico passo è la ricerca delle parole chiave. Questa fase pone le basi per i successivi sforzi SEO. Prima di iniziare la ricerca delle keyword, è essenziale comprendere i propri utenti e il loro processo decisionale. Essere visibili nelle fasi cruciali del processo decisionale del consumatore contribuirà a costruire e rafforzare la consapevolezza del brand posizionandolo in cima alle preferenze degli utenti.

La ricerca delle parole chiave va oltre l’analisi dei volumi di ricerca e della concorrenza. È fondamentale capire la propria base di clienti e il loro comportamento durante la ricerca. Ad esempio, esistono molti strumenti, come Google Insights e Google Trends, che possono aiutare a conoscere meglio quali sono le tendenze di ricerca e come gli utenti trovano i prodotti e i servizi tramite i motori di ricerca. Può essere utile anche condurre un’indagine per ottenere informazioni sul modo in cui i clienti prendono le decisioni di acquisto.

Quando si effettua la ricerca delle keyword, cercando di trovare le migliori opportunità, ci sono diversi elementi da considerare se si vuole conseguire il successo a lungo termine. Una strategia di search marketing, come ogni strategia di business, dovrebbe avere obiettivi sia a lungo che a breve termine. Come si diceva in apertura, ogni strategia di search marketing dovrebbe concentrarsi sulla redditività, ma senza trascurare altri fattori che aiutano a costruire la credibilità del brand. Questi fattori sono difficili da misurare; tuttavia, se si prendono in considerazione i principi espressi in questo articolo e si dedica del tempo per capire meglio i propri utenti, si potranno di certo raggiungere migliori risultati nelle attività di SEO e Web Marketing.

Di seguito si riportano le tappe del processo di ricerca che il consumatore affronta quando prende una decisione di acquisto. Il tempo dall’inizio alla fine del ciclo può variare notevolmente a seconda del prezzo e delle caratteristiche del prodotto o servizio.

La consapevolezza di un bisogno 
È l’inizio di ogni decisione di acquisto e può essere stimolata da una necessità o da un desiderio. Potrebbe trattarsi di un bisogno di base, come la fame che spinge alla ricerca di cibo, o potrebbe essere generata da un messaggio pubblicitario che reclamizza il prodotto del momento.

Ricerca di informazioni
In questa fase del processo decisionale dell’acquirente è fondamentale che il proprio brand sia in prima linea nella mente del consumatore, o in prima linea dove cercherà di ottenere informazioni (motori di ricerca). A seconda del business e delle risorse a disposizione, è necessario sviluppare una strategia per essere visibili con i termini di ricerca pertinenti, i quali possono includere anche parole chiave che non generano vendite alla prima visita. Non solo è importante essere visibili con keyword rilevanti, ma è importante anche capire dove i clienti vanno per ottenere informazioni attraverso la ricerca di Google o visitando siti di recensioni.

Valutare le alternative 
In questa fase i consumatori hanno finito di tastare il mercato e hanno sviluppato una serie di valutazioni. A seconda del prodotto e del settore, la maggior parte dei consumatori si trova di fronte ad una scelta di circa 3-5 marche o prodotti.

Decisione di acquisto
La maggior parte delle strategie di posizionamento cerca di catturare i consumatori in questa fase del processo di acquisto. Giunti a questo punto, se l’azienda non ha lavorato con diligenza, il suo brand/prodotto/servizio non sarà presente tra le scelte dell’utente, mettendo a serio rischio le probabilità di effettuare una vendita. Se, invece il brand ha raggiunto il consumatore in ciascuna fase del processo decisionale, le possibilità di effettuare una vendita sono molto più alte.

Post vendita
In questa fase del processo decisionale si ha la possibilità di continuare il rapporto con il cliente. È la fase in cui i consumatori esprimono il loro livello di soddisfazione verso il prodotto/servizio acquistato ed è qui che si ha l’opportunità di incoraggiare i clienti a scrivere recensioni sull’attività, trasformandoli in clienti abituali. Bisogna sempre ricordare che è molto più facile mantenere un cliente che acquisirne uno nuovo.

Studiare il processo di ricerca dei consumatori è di sicuro aiuto per condurre un’efficace ricerca delle keyword e per determinare le mosse strategiche da fare per essere visibili ai propri clienti. Tutte le fasi del processo decisionale di acquisto sono importanti ed è fondamentale avere una strategia di search marketing a supporto di ciascuna di esse, con l’obiettivo di raggiungere una maggiore diffusione del brand ed il successo a lungo termine del proprio business.

Commenti

Ottimizzazione motori di ricerca: per lingua o per paese?

Quando si tratta di sfruttare i motori di ricerca per raggiungere i mercati internazionali, il lavoro di ottimizzazione siti web e posizionamento va svolto in maniera un po’ diversa. Ampliando gli orizzonti iniziano a formarsi legami con utenti che non solo parlano lingue diverse, ma possiedono anche differenti aspettative culturali circa i loro rapporti di business online.

Esistono due approcci generali per soddisfare le esigenze dei clienti internazionali:

  • porre il focus sulle lingue;
  • considerare i mercati esteri paese per paese.

OTTIMIZZAZIONE MOTORI DI RICERCA PER LINGUA

Mentre la scelta delle giuste parole è la chiave della comunicazione a livello internazionale, le strategie SEO che si hanno a disposizione non variano molto da una lingua all’altra. Tenere a mente, però, che quando si cambia lingua è importante catturare l’attenzione di quei motori di ricerca progettati per quella specifica lingua, per cui vale la pena spendere del tempo per capire per quali motori è necessaria l’ottimizzazione.

Il vantaggio di ottimizzare per lingua è che permette di raggiungere, con un sol colpo, un vasto pubblico di nuovi clienti. L’inglese dà già la possibilità di raggiungere i mercati di tutto il mondo. Aggiungendo lo spagnolo è possibile includere, oltre la Spagna, gran parte del Sud America. Il francese può dare accesso a molti paesi africani, oltre che a parte dell’Europa occidentale. Infine, considerare quante persone dentro e fuori la Cina leggono il cinese, può aiutare a comprendere come l’aggiunta di alcune lingue chiave per le attività di SEO e Web Marketing può fare entrare in aree significative del mercato globale.

Utilizzare un approccio SEO basato sulla lingua può essere un’opzione rapida e conveniente. È possibile concentrarsi sulla ricerca delle migliori keyword possibili, che non necessariamente saranno le stesse per tutte le lingue.

D’altra parte, si potrebbe scegliere di non ricorrere all’ottimizzazione per lingua se si ha interesse a promuovere il proprio sito web solo in alcuni paesi. Per esempio, il Brasile potrebbe essere un mercato chiave per la propria azienda, mentre il Portogallo potrebbe non andare bene per lo stesso business.

Inoltre, nel caso di una lingua utilizzata in più nazioni, bisogna prendere in considerazione anche l’eventuale ottimizzazione su scala regionale piuttosto che globale. Esistono, infatti, termini appartenenti ad una stessa lingua che assumono significati diversi a seconda del paese di riferimento (come capita, per esempio, con alcune parole in inglese che sono interpretate in modo differente negli Stati Uniti rispetto alla Gran Bretagna).

OTTIMIZZAZIONE MOTORI DI RICERCA PER PAESE

La scelta di rendere visibile il contenuto di un sito internet a un paese specifico è conosciuto come geo-targeting. Sebbene un’attività SEO di questo tipo inizialmente possa sembrare scoraggiante, il fatto che sia più specifica può rendere la strategia di marketing più efficace. Il geo-targeting infatti, permette di distribuire i contenuti online solo nei mercati a cui si è interessati, senza doversi preoccupare degli altri.

Inoltre, dà la flessibilità necessaria per fornire contenuti rilevanti a livello locale in paesi diversi che condividono una lingua comune, senza dover duplicare i contenuti su più domini di primo livello, e, grazie alla geolocalizzazione delle pagine per i vari paesi, le differenze linguistiche e culturali non rappresentano un problema.

Produrre accurati contenuti geolocalizzati può aiutare a ridurre significativamente il numero di visitatori che non trovano sul sito ciò di cui hanno bisogno ed escono, facendo diminuire la frequenza di rimbalzo. Può darsi che non faccia crescere il numero complessivo di visitatori, ma di sicuro si hanno maggiori probabilità di vedere aumentare le conversioni.

Nel ricorrere al geo-targeting è importante tener presenti alcune situazioni e condizioni in cui questo approccio SEO potrebbe non essere adatto a soddisfare le esigenze di business. Per esempio, gli utenti trovano i contenuti geolocalizzati solo se effettuano la ricerca tra i risultati locali. Inoltre, strutturare un contenuto rilevante per un paese specifico significa che i potenziali clienti che parlano quella lingua ma si trovano in altri paesi probabilmente non lo vedranno.

Un’altra considerazione da fare è che molti paesi hanno più di una lingua ufficiale; per esempio, se si desidera raggiungere la Svizzera, si rischia di ignorare circa un terzo della popolazione se si è scelto di fornire il contenuto solo in tedesco.

Commenti