Trucchi Pokémon Go

Zieta BazAir e le Pearl Plopp al salone del mobile

In occasione del Salone del Mobile di Milano 2011, la galleria Cardi Black Box presenta Zieta BazAir, un’installazione site-specific del designer polacco Oscar Zieta. Il giovane designer Oskar Zieta, classe 1975, molto conosciuto dai blogger, anche dai moda blog, presenta presso la Galleria Cardi Black Box, un’installazione inedita sospesa tra cielo e terra. Un inusuale self-service del design reso possibile grazie a una produzione superleggera dei suoi noti sgabelli Plopp, di cui i moda blog hanno parlato, i quali sono realizzati in edizione limitata (solo 100 pezzi) per la galleria per la prima volta in alluminio e in finishing perlato.

La ricerca di Zieta si è sempre orientata sulla sperimentazione e sull’ innovazione – si legge su un moda blog – questa volta l’artista polacco ha voluto dimostrare come la tecnologia FIDU – Free Inner Pressure Deformation – possa essere applicata non solo all’inox ma anche all’alluminio, in modo da alleggerire ulteriormente i suoi pezzi rendendoli facilmente trasportabili e contemporaneamente solidi e resistenti.

Per far galleggiare le sedute nello spazio, Zieta ha concepito un’invasione di palloni bianchi che, come si legge nei moda blog, sospendono a mezz’aria Pearl Plopp: chi se ne vorrà impossessare è invitato a fare da solo, come in uno dei bazar all’aperto di Samarcanda, ricco di perle, gioielli e piccoli souvenir. Resta una sorpresa il modo in cui si potrà raggiungere gli sgabelli e tirarli a sé e lo si potrà scoprire solo visitando la mostra.

Su un moda blog si legge: “per i nuovi Pearl Plopp è stato studiato un packaging tailor-made, anche questo realizzato in occasione di Zieta BazAir che impreziosisce l’oggetto facilitandone il trasporto. Si tratta di un manufatto artigianale in lino, a sottolineare la doppia valenza dell’intero lavoro di Zieta, la serialità che non esclude l’esclusività dei suoi pezzi”.

Come gioielli preziosi, si legge su un moda blog, piccole Pin di misure diverse formeranno una scultura verticale sui muri di Cardi Black Box. Le Pin, nello stesso finishing perlato degli sgabelli, nascono come attaccapanni, si legge sempre sul moda blog, ma diventano elementi decorativi volti a sottolineare la flessibilità e la valenza estetica del lavoro di Zieta.

Al primo piano della Galleria saranno inoltre disponibili alcune sagome vuote (piatte, senza aria), delle note sedute di Oskar Zieta che il pubblico potrà gonfiare autonomamente grazie a un potente compressore.

Il progetto Zieta BazAir alla Galleria Cardi Black Box è incentrato sulla leggerezza, le tonalità lievi, il self-mad ma soprattutto sulla sostenibilità, argomento caro ai moda blog, in quanto non solo la sua ultima produzione per Cardi in alluminio è interamente riciclabile ma la tecnologia impiegata ha un basso impatto ecologico, valore indispensabile per il designer. Zieta crede nelle diverse possibilità che la tecnologia FIDU può fornire non solo nel campo del design ma anche in quello dell’architettura (oggetti realizzati con FIDU possono sostenere un peso dieci volte superiore alla loro massa, a dire che un elemento di 100 Kg può sopportare circa 1 tonnellata) ciò permetterebbe di semplificare i processi produttivi e ottimizzare i costi e tempi di trasporto; come accadrebbe in un bazar futuristico.

Zieta BazAir è la prima personale del designer in Italia.

Commenti

Giorgio Armani presenta le sue nuove fragranze primaverili

Una brezza fredda come il ghiaccio risveglia i nostri sensi addormentati sotto il sole ardente dell’estate. Per l’estate 2011, i profumi di seduzione “must” Armani Code per uomo e per donna vengono reinterpretati nella versione estiva. Ghiacciati, i flaconi sono coperti di brina come se fossero immersi nel secchiello dello champagne. La collezione è composta da Armani Code pur femme, uno dei profumi più amati dai fashion blogger, e da Armani Code Summer pour homme.

Il profumo donna, che piace ai fashion blogger, ha una sagoma sottile e affusolata, si tratta di una bottiglia di vetro smerigliato, decorata da un ricamo floreale e con un tappo di lacca lucida. Il profumo uomo, invece, ha una forma cilindrica e virile ed è rinfrescata dal vetro smerigliato con sfumature che vanno dal blu scuro al ghiaccio.

Come dicono alcuni fashion blogger che hanno testato in anteprima il profumo, Armani Code Summer pour femme rappresenta una deliziosa evasione floreale. Questa interpretazione è una nuova ode ai fiori d’arancio che evocano una rappresentazione della seduzione più luminosa, esuberante, audace e fruttata. Nelle note di testa, si legge su un blog di moda di un fashion blogger, il neroli è ravvivato dall’arancia amara e da un sorbetto ghiacciato alla pera. Segue il famoso accordo fiore d’arancio e gelsomino di sambac, reso frizzante dallo zenzero, e istantaneamente ravvivato dalla presenza cristallina del ciclamino, appena spruzzato di rugiada. Questa delicata vertigine è accompagnata da una scia sottile – dice un fashion blogger- sensuale, accarezzata da vaniglia, legni bianchi pregiati e dalla morbidezza vellutata del muschio.

Armani Code Summer pour homme, dice uno dei fashion blogger di blog di moda maschili che ha provato il profumo, è come in una splendida fuga, questo boisé orientale esperidato è una composizione sostenuta dagli agrumi e dalla brezza marina. La fragranza, continua il fashion blogger, esordisce con l’abbagliante luce mediterranea. Bergamotto, pompelmo, limone e neroli verde si mescolano con inebrianti note acquatiche per una crociera in mare aperto.
Tutto questo cede il passo all’insostituibile foglia di olivo, galvanizzata dalla tonificante freschezza aromatica dell’estragone, e infine addolcita dalla rosa e dal legno di cedro. Le note di fondo sono un audace accordo di legno di Gaiac affumicato, ambra trasparente e tenero muschio.

I due profumi di Armani sono disponibili in tutte le migliori profumerie e sono una delle novità aprile 2011. I prezzi indicativi sono 65 euro per la fragranza femminile (confezione da 75 ml spray) e 58,50 euro per la fragranza maschile (confezione da 75 ml spray).

Commenti

Oskar Zieta e la tecnologia Fidu

Negli ultimi anni la presenza di designer polacchi è in continua crescita sulla scena del design internazionale, argomento di cui si parla molto sul web. Primo tra tutti, Oskar Zieta, classe 1975, architetto, nato a Szczecin, nel nord della Polonia, di cui hanno parlato anche moda blog, il quale ha avuto un percorso particolare e un boom sorprendente grazie a una collezione dalle forme inedite e accattivanti, arricchita da una palette vivace di colori e l’applicazione di un’innovativa tecnologia.

Come si legge su un moda blog che ripercorre la sua storia, Zieta si trasferisce in Svizzera nel 2003 dove lavora come ricercatore e insegnante a Zurigo presso il Federal Institute of Technology con un master in Computer Aided Architectural Design (CAAD). Sempre sul moda blog di un fashion-blogger si legge che, durante il dottorato, mette a punto la tecnologia FIDU –Free Inner Pressure Deformation – che riesce a trasformare superfici piatte sagomate, costituite da due lastre in acciaio in precedenza saldate tra loro, in oggetti tridimensionali grazie all’iniezione di un getto d’aria compressa. Dopo anni di ricerca, nel 2007 Zieta ha ottimizzato questa tecnologia, iniziando così la sua produzione e fondando la sua azienda, la zieta prozessdesign, a Breslavia, in Polonia.

Il successo dei suoi prodotti, come testimoniano i moda blog, non è associato solo all’utilizzo della tecnologia FiDU, ma nasce dalla combinazione di tre elementi: la ricerca tecnologica, il design inedito, un processo di produzione capace di fornire soluzioni innovative in grado di modellare stabilmente la forma per realizzare pezzi sempre diversi l’uno dall’altro. Il processo, come si legge su un moda blog, è un equilibrio perfetto tra produzione di massa e edizione limitata perché parte degli oggetti, per esempio la seduta Chippensteel 5.0, richiede una finitura manuale da parte del designer. La sua vasta e colorata collezione, che sembra gonfiata come un salvagente, è oggi presente negli store più importanti del design internazionale, da Moss di New York a diversi museum stores.

Commenti

L’orchidea si veste di moda con una limited edition in tessuti Mantero

Regalare una pianta è sempre qualcosa di speciale che va dritto dritto al cuore, un gesto di affetto carico di significato perché si dona un pezzetto di vita. Man mano che la pianta vive e cresce, diventa sempre più bella, evocando continuamente il ricordo della persona che l’ha donata. Tra tutte le piante, la raffinata ed elegante orchidea è il regalo ideale per la Festa della Mamma, soprattutto quest’anno grazie ad una nuova originale iniziativa. Questo fiore, originario dalle zone tropicali e sub-tropicali come l’Asia e il Sudamerica è un cosmopolita essendo diffusa in tutti i contenenti. Si tratta dunque di un fiore tenace e combattivo proprio come la mamma, simbolo di dolcezza, eleganza, amore, forza e coraggio. Per celebrare la mamma il Flower Council of Holland, con l’aiuto dei moda blog che hanno diffuso la notizia, ha lanciato una speciale iniziativa. Come si legge sui moda blog che ne hanno parlato: l’orchidea è uno dei simboli della femminilità, che unisce fascino e charme, ed è proprio per questi motivi che in occasione della Festa della Mamma si avvolge di un coprivaso borsetta very chic, diventando un regalo speciale e trendy: la Orchid Bag. L’iniziativa, che ha conquistato i moda blog, è una limited edition che si potrà trovare solo in esclusivi e selezionati concept store italiani.

La Orchid Bag di cui hanno parlato i moda blog italiani, trasforma un fiore in un dono originale e prezioso visto che, come dicono i fashion blogger sui loro moda blog: la borsetta è realizzata utilizzando i pregiati tessuti Mantero ed è avvolta da un romantico fiocco in raso rosso rubino. L’inedita shopper che piace ai moda blog diventa così un versatile accessorio da esibire in diverse occasioni per mamme alla moda sempre attente ai dettagli più glamour.

Il Flower Council of Holland, artefice dell’iniziativa di cui hanno parlato i moda blog, è l’ente di riferimento per la promozione della floricoltura olandese in Italia e nel mondo. L’organizzazione, che ha sede a Leiden, è finanziata dalle quote devolute dai produttori e grossisti olandesi di piante e fiori. Essendo l’Italia un paese che da sempre ama i fiori, il Flower Council of Holland ha pensato di lanciare questa simpatica e glamour iniziativa. Un’iniziativa che ha lo scopo di sensibilizzare il grande pubblico nei confronti delle piante in vaso, meravigliose compagne di vita che ci circondano di energia e piacere, allietando le nostre giornate. La Orchid Bag si potrà trovare presso: First Floor – c/o Vincenzo D’Ascanio a Milano, Tearose a Milano, Monza e Roma, Flo’ Fiori a Bologna, Labardi Fiori a Firenze, Callas a Cremona, Falcetta Floreal Designer a Barletta.

Commenti

L’orchidea si veste di moda con una limited edition in tessuti Mantero

Regalare una pianta è sempre qualcosa di speciale che va dritto dritto al cuore, un gesto di affetto carico di significato perché si dona un pezzetto di vita. Man mano che la pianta vive e cresce, diventa sempre più bella, evocando continuamente il ricordo della persona che l’ha donata. Tra tutte le piante, la raffinata ed elegante orchidea è il regalo ideale per la Festa della Mamma, soprattutto quest’anno grazie ad una nuova originale iniziativa. Questo fiore, originario dalle zone tropicali e sub-tropicali come l’Asia e il Sudamerica è un cosmopolita essendo diffusa in tutti i contenenti. Si tratta dunque di un fiore tenace e combattivo proprio come la mamma, simbolo di dolcezza, eleganza, amore, forza e coraggio. Per celebrare la mamma il Flower Council of Holland, con l’aiuto dei moda blog che hanno diffuso la notizia, ha lanciato una speciale iniziativa. Come si legge sui moda blog che ne hanno parlato: l’orchidea è uno dei simboli della femminilità, che unisce fascino e charme, ed è proprio per questi motivi che in occasione della Festa della Mamma si avvolge di un coprivaso borsetta very chic, diventando un regalo speciale e trendy: la Orchid Bag. L’iniziativa, che ha conquistato i moda blog, è una limited edition che si potrà trovare solo in esclusivi e selezionati concept store italiani.

La Orchid Bag di cui hanno parlato i moda blog italiani, trasforma un fiore in un dono originale e prezioso visto che, come dicono i fashion blogger sui loro moda blog: la borsetta è realizzata utilizzando i pregiati tessuti Mantero ed è avvolta da un romantico fiocco in raso rosso rubino. L’inedita shopper che piace ai moda blog diventa così un versatile accessorio da esibire in diverse occasioni per mamme alla moda sempre attente ai dettagli più glamour.

Il Flower Council of Holland, artefice dell’iniziativa di cui hanno parlato i moda blog, è l’ente di riferimento per la promozione della floricoltura olandese in Italia e nel mondo. L’organizzazione, che ha sede a Leiden, è finanziata dalle quote devolute dai produttori e grossisti olandesi di piante e fiori. Essendo l’Italia un paese che da sempre ama i fiori, il Flower Council of Holland ha pensato di lanciare questa simpatica e glamour iniziativa. Un’iniziativa che ha lo scopo di sensibilizzare il grande pubblico nei confronti delle piante in vaso, meravigliose compagne di vita che ci circondano di energia e piacere, allietando le nostre giornate. La Orchid Bag si potrà trovare presso: First Floor – c/o Vincenzo D’Ascanio a Milano, Tearose a Milano, Monza e Roma, Flo’ Fiori a Bologna, Labardi Fiori a Firenze, Callas a Cremona, Falcetta Floreal Designer a Barletta.

Commenti

Pirelli P Zero, l’esperimento diventato un cult

A fine Ottocento erano impermeabili in caucciù. Oggi l’abbigliamento della griffe di pneumatici ha un’anima sperimentale. Dall’appeal fashion e sexy come piace ai fashion blogger. In comune, nell’arco di 127 anni, l’impronta di una gomma dallo spirito hi-tech. A 125 anni dal primo esperimento, è nel 2002 che rinasce l’abbigliamento firmato Pirelli. Viene infatti lanciato un progetto con un’anima sperimentale ed high-tech: il progetto PZERO, presentato in anteprima ai fashion blogger che subito hanno apprezzato l’idea del marchio. Ieri erano scarpe, stivali, borse, impermeabili, soprabiti, cappotti impermeabilizzati e realizzati in un allora sconosciuto caucciù. Oggi il progetto ha un’anima nuova, sperimentale, ad alta tecnologia. “Da una ricerca di marketing era emerso che il marchio Pirelli era glamour, sexy e fashion. E questo appeal era stato dato al brand proprio dal calendario, il mitico The Cal. Per questo motivo abbiamo deciso di dare il via a un progetto di industrial design, che ha fatto da apripista per una serie di avventure molto simili”, spiega Antonio Gallo, responsabile di Pirelli Pzero. L’avventura del gruppo milanese è partita in punta di piedi. Soltanto due oggetti destinati a diventare cult per i fashion blogger: una scarpa da vela, Pirelli Pzero Acqua. E una giacca dalle performance futuriste, Pirelli Pzero Aria. Oggi i numeri del progetto presentato in anteprima ai fashion blogger che ne hanno parlato nei loro blog di moda sono diversi. La collezione è diventata un total look. Con tanti numeri. Sette sono i designer che compongono l’ufficio stile del marchio. Tre sono i partner che affiancano Pirelli come licenziatari (Incom per l’abbigliamento, Morellato&Sector per gli orologi, e Tecnorib per i gommoni), numerosi i prodotti gestiti internamente tramite la società Pzero Srl, dalle scarpe alle borse a progetti speciali in limited edition.

La linea Pzero che piace ai fashion blogger è distribuita in Italia in 300 negozi esclusivi di abbigliamento e calzature. Tra questi Biffi a Milano, storico negozio amata dai fashion blogger, Sir Wilson a Torino, Russo a Capri, Raspini a Firenze, Sugar di Arezzo, Giglio a Palermo. All’estero è già consolidata la presenza in particolare in Spagna, Benelux, UK, Russia e Middle East in molti negozi come Harrods a Londra, Nino Alvarez a Barcellona, Tsum-Mercury a Mosca, Tomorrowland aTokyo e Bugatti a Dubai.

Non si contano i testimonial che affollano l’album vip del brand. In poche stagioni Pirelli Pzero è diventato uno status symbol per una generazione. Ha registrato un successo che nemmeno noi ci aspettavamo e questo anche grazie ai fashion blogger che hanno parlato dei prodotti sui loro blog di moda, dando il via a un passaparola inarrestabile. Quando nel 2003 abbiamo aperto il corner da Bergdorf Goodman a New York, abbiamo esaurito immediatamente le scorte e abbamo avuto liste d’attesa incredibili: per l’orologio di cui hanno parlato i fashion blogger avevamo prenotazioni per 400 modelli. E oggi continuiamo a registrare elevati tassi di sviluppo”. Perché la storia è destinata a ripetersi.
Nel 2005 è stato firmato un accordo in licenza con Tecnorib per la produzione dei gommoni Pirelli Pzero. Così Pirelli celebra dopo 10 luminosi lustri l’antica produzione di gommoni gommati. Proprio nel 1955 nasceva, infatti, il Nautilus: il primo battello pneumatico. Il primo gommone Pirelli Pzero è stato varato nelle acque di Portofino nel maggio 2006.
Nel 2008 grazie ad un accordo con Head, è sono stati presentati in anteprima di tutto il mondo gli sci Winter Sottozero che prendono nome dall’omonimo pneumatico la cui ultima evoluzione è stata lanciata nel cosrso dello stesso anno. Altamente tecnologici, grazie all’intelligenza del sistema antivibrazioni.

Commenti

Aldo Shoes apre a Roma e Milano i suoi primi due store

Direttamente dal Nord America, sbarca in Italia Aldo Shoes, il brad italiano di calzature, molto amato dai fashion blogger. Il famoso negozio ha aperto i battenti qualche giorno fa a Roma, in Via del Corso, 162 e fra poco aprirà anche a Milano, in Via Dante, 9.
Unico nel suo genere, Aldo propone una vasta gamma di calzature e accessori glamour, proprio come piacciono ai fashion blogger, e ricchi di dettagli e finiture ricercate, il tutto a prezzi accessibili. La Collezione primavera/estate del marchio che piace ai fashion blogger, Aldo, si ispira alla spiaggia con zeppe lavorate, tessuti naturali o dai colori accessi. Decolleté, ankle boots, ballerine, calzature minimal-chic e clogs crochet per la donna; mocassini, desert boots, sneakers e oxford shoes per l’uomo.

Tappa obbligata per le fashion blogger e le fashion addicted di tutto il mondo, la scarpa è protagonista indiscussa dei negozi Aldo. L’arredamento minimal in legno laccato bianco, acciaio e vetro, valorizza l’esposizione del prodotto. Tutta la collezione donna e uomo viene esposta seguendo uno storyboard all’interno del negozio, un percorso che, come hanno già detto le fashion blogger sui loro blog di moda che in anteprima hanno parlato dell’apertura del negozio nella capitale italiana, permetterà al cliente di scoprire tutta la meravigliosa collezione primavera/estate di Aldo Shoes.

Il primo negozio Aldo aprì nel 1972 in Canada, a Montréal, dopodiché sbarcò, negli anni successivi, negli Stati Uniti e in Europa. Oggi il brand amato dai fashion blogger, Aldo, è presenti in sei conteninte e oltre 1500 negozi sparsi in tutto il mondo, da New York a Roma fino a Dubai, Londra e Città del Capo. Conosciuto in tutti il mondo per le sue calzature di qualità, sempre alla ricerca di nuove tendenze, Aldoè la chiave d’accesso all’oggetto del desiderio di tutte le donne. Se i modelli più trendy di calzature impazzano a Londra, Milano, Parigi, New York o Tokyo, Aldo li metterà ai vostri piedi per primo!

Commenti

Lancome inventa il colore ultra trattamento-sensazione labbra nude

Ancora una volta Lancôme utilizza la sua esperienza e il suo talento per valorizzare la bellezza di ogni donna creando: l’Absolou Nu, un rossetto testato da molte fashion blogger, che unisce il trattamento a una texture unica e delicata, per una nuova sensazione di labbra nude. Grazie a una profonda conoscenza delle labbra, con cinque brevetti e un approccio innovativo al colore e alla luce, Lancôme ha creato un rossetto capace di riprodurre e amplificare il colore, la texture e lo splendore naturale delle labbra.

Un racconto di eleganza e audacia che inizia nel 1990 con la creazione di Rouge Absolu, una moderna interpretazione del mitico Clé De Coquette, creato dal fondatore di Lancôme Armand Petitjean quasi quarant’ anni prima. Nel 2008 la Maison Lancôme sorprende con il lancio de L’Absolu Rouge: un rossetto che piace ai fashion blogger e che unisce una ricca varietà di colori a un design prezioso. È il primo capace di trasformare le labbra in uno strumento di seduzione.

Molto più di un semplice pigmento, l’Opti-Carmin TM è in grado di migliorare la naturale bellezza delle labbra. Come hanno detto i fashion blogger, grazie al suo color rosso vivo, mette in risalto il naturale colore delle labbra, aumentandone l’intensità del rosso, aspetto fondamentale per apparire piene di vita. Questo pigmento è più trasparente di un pigmento rosso classico e permette alla luce di passare più facilmente, rafforzando in maniera significativa la luminosità del colore, come se la micro-circolazione fosse potenziata. Rivestendo le labbra con uno velo ultra sottile, come hanno detto i fashion blogger, questi pigmenti madreperlati permettono alla luce di diffondersi abbondantemente sulle labbra, colorandole e illuminandole. Un rossetto non è mai stato così delicato e trasparente! Ha detto una delle fashion blogger intervistate.

La luce, assorbita in quantità inferiore rispetto alla formula tradizionale, è emessa in modo straordinario con un risultato di colore perfetto e di sensazione labbra nude.

Giorno dopo giorno, come hanno detto i fashion blogger, le labbra risultano intensamente levigate e rimpolpate. Dal momento dell’applicazione restano idratate per 8 ore. Morbido e confortevole, L’Absolu Nu avvolge le labbra con un velo delicato come la seta, e questo, come dicono i fashion blogger, grazie al perfetto equilibrio tra gli ingredienti. Un rossetto che unisce la cura della labbra a una sensazione di leggerezza.
L’Absolu Nu è disponibile in 12 diverse tonalità: Corail Evanescent 101, Rouge Nu 102, Rose Mousseline 103, Beige de Soie 201, Beige Tulle 202, Beige Feutré 203, Sienne Poudrée 204, Beige Chamel 205, Rose Subtil 301, Voile de Rose 302, Rose Caresse 303, Rose Dentelle 304. Il prezzo al pubblico indicativo è di € 30,50.

Commenti

Genifique Soleil: il primo scudo solare di Lancome

Grazie alle conoscenze specifiche acquisite dai nostri laboratori sugli effetti dannosi delle radiazioni UV sull’espressione di alcuni geni, Lancome presenta la gamma Génifique Sôleil viso e corpo – testata in anteprima da alcuni blogger che ne hanno parlato sui loro blog di moda – che offre un’efficacia protettiva straordinaria. Con indici di protezione da 15 a 50, Génifique Sôleil crea una sorta di scudo per salvaguardare la produzione di proteine di giovinezza della pelle. Come hanno sottolineato i blog di moda: grazie alle texture sensuali dei prodotti, la pelle è levigata e vellutata al tatto.

Una delle scoperte più significative delle ricerche relative alla gamma Génifique, di cui hanno già parlato numerosi blog di moda, è stata l’identificazione, da parte dei nostri Laboratori, dei danni causati dai raggi UV sull’espressione di alcuni geni, che arrivano a modificarla sino a rischiare di alterarla. Il sole, dunque, provoca una diminuzione della produzione di alcune proteine della giovinezza. Più le esposizioni sono ripetute, più la qualità della pelle si altera, diventa secca e manifesta i segni caratteristici del foto-invecchiamento: comparsa di macchie pigmentarie, rughe più marcate. L’approccio estremamente innovativo dei trattamenti solari Génifique Sôleil di cui hanno parlato i blog di moda, si basa su un sistema multi-filtrante ad ampio spettro UVA e UVB, estremamente raffinato, abbinato a un’associazione anti-ossidante di mannitolo e di vitamine CG e E. “I filtri hanno un’azione istantanea sulla sintesi di alcune proteine – si legge su alcuni blog di moda – il complesso anti-ossidante agisce contrastando la formazione dei radicali liberi, responsabili degli effetti dannosi a carico delle strutture cellulari.

Molto piacevoli da applicare, i trattamenti solari Génifique Sôleil che molti blog di moda hanno consigliato ai lettori, hanno la capacità di proteggere la pelle pur restando impercettibili a occhio nudo. “Non lasciano tracce bianche – si legge su un blog di moda – e creano un effetto di bellezza immediato. La loro texture delicata e morbida ne rende più piacevole l’applicazione grazie alla delicata fragranza con note floreali e orientali.

La gamma Génifique Sôleil è composta da Génifique Sôleil Visage, Génifique Sôleil Corps Huile, Génifique Après Sôleil Corps Mist.

Commenti

Bacan: il brand di abbigliamento made in Italy

Bacan, il brand tutto made in Italy di abbigliamento vintage/chic dall’anima italo- argentina, di cui hanno parlato tanti blog di moda, lancia la sua nuova collezione P/E 2011 articolandola in tre capsule limited edition tutte accomunate dall’appeal fresco e dinamico di un mondo creativo che non rinuncia mai alla qualita` della migliora migliore tradizione sartoriale italiana.

“Stile e qualita` senza compromessi” è così che molti fashion blogger sui loro blog di moda dicono sulla collezione. Come sottolinea Ariel Fabian Bac, crative director del brand: “L’ispirazione per la prossima estate e` assolutamente trasversale, pensata per accontentare dalle donne piu` romantiche a quelle piu` grintose e per incontrare il gusto di un uomo deciso e pratico ma che ama, al tempo stesso, sentirsi comodo e a suo agio nei capi che indossa. La qualita` del made in Italy – di cui parlano tutti i blog di moda – si mescola ai ricordi delle mie radici argentine, che prendono forma nei colori del quartiere piu` famoso di Buenos Aires (la Boca) o nella magica sensualita` del tango: un cocktail esplosivo di grande intensita` e modernita` in cui credo molto e che mi piace far rivivere nello stile delle nostre collezioni e nei dettagli che le caratterizzano”.

La collezione P/E 2011 di cui molto blogger hanno parlato sui loro blog di moda esprimendo numerosi consensi, si compone di capi unici dedicati alla donna e all’uomo, ripartiti in tre capsule che mixano sapientemente stili e colori e che saranno disponibili nei monomarca Baca`n a partire da marzo, come già detto dai blog di moda che hanno parlato della linea. L’inconfondibile stile Baca´n, che si sposa con i gusti delle persone e dei blog di moda, si riflette in tre linee tematiche dalle caratteristiche molto ben delineate.

La linea basico/sportiva e´ il progress della precedente collezione estiva: i capi piu` venduti verranno riproposti mentre altri saranno creati ex novo. Le stampe riproporranno sia la parola Baca´n, sia nuove scritte che “racconteranno” dell’Argentina.

La linea Tango, di cui già hanno parlato i blog di moda, si ispira al tango e alla sensualita` che trasmette questo ballo argentino. E’ una linea grintosa e sensuale che veste una donna dalla personalita` ben decisa e volitiva, consapevole di se´ e del proprio corpo; la linea maschile, invece, e` pensata per un uomo forte e passionale. I colori prevalenti sono il nero e le varie tonalita` blu, con qualche contaminazione di rosa. I jersey e le felpe sono accostati a intarsi di metallo e applicazioni di borchie, grossgrain e nastri.

La linea Boca, di cui già hanno parlato i blog di moda, dalla connotazione decisamente vintage/chic, prende invece ispirazione Dall’omonimo e variopinto quartiere di Buenos Aires. La caratteristica principale di questa capsule che piace ai blog di moda e` sicuramente il colore vivace e allegro di tutti i capi. Verranno usate passamanerie e nastri a contrasto su tessuti leggeri e freschi adatti per l’estate, come ad esempio la mussola di cotone.
Per completare il look della collezione P/E 2011 anche una linea di divertenti accessori come le nuove shopping bag, le cinture e le spille alle quali i fan di Baca`n non sapranno resistere.

La nuova collezione di Stefanel è quindi promossa a pieni voti: è completa, versatile, fresca, curata, elegante e decisa.

Commenti