Safers: Cosa sono e come funzionano

Negli ultimi anni, oltre all’evoluzione di nuovi sistemi di sicurezza come le etichette di sicurezza e le telecamere si sono sviluppati ì safers. Essi sono stati sempre più utilizzati dai negozi per ridurre sempre più i furti all’interno dei negozi.

I saferes sono piccoli contenitori in plastica dentro ai quali vengono inseriti i vari prodotti. I safers permettono l’osservazione ottimale del prodotto senza però permettere ai clienti e probabili acquisitori di aprire le confezioni.

All’inizio essi esano semplici scatole in plastica trasparente le quali fornivano una parziale protezione inquinato il taccheggiatore poteva rubare sia la scatola che il contenuto al suo interno. Successivamente i safers si sono sempre più evoluti proprio come i sistemi di sicurezza utilizzati dai commercianti. I safers iniziarono ad essere dotati di un allarme il quale suonava qualora l’oggetto oltrepassasse i sensori porsi all’uscita e all’entrata del negozio, diminuendo drasticamente il numero dei furti.

Negli ultimi tempi però i taccheggiatori più furbi sono stati in grado di eluderei sistemi di sicurezza dei safers obbligando così gli ideatori di quest’ultimi a ottimizzarli. Così sono stati ideati dei safers i quali se manomessi tal taccheggiatore automaticamente danneggiano in prodotto al loro interno in modo tale che il ladro anche se è stato in grado di rubare l’oggetto non potrà mai utilizzarlo.

Tale caratteristica dei nuovi safers però ha suscitato moltissimi reclami da parte dei commercianti che preferirebbero non rovinare i propri prodotti e preferirebbero che i safers siano in grado di essere più efficaci. Con efficaci si intende il meno manumettibili possibile cosicché il taccheggiatore non possa portarli all’infuori delle mura del negozio.

Sono nati dunque nuovi progetti di safers i quali, una volta tentata la manomissione, rilasciano una scarica elettrica in modo tale da rendere più efficace la cattura del ladro, altri che emettono suoni molto acuti ed altri. esse son tutte idee molto brillanti che garantiscono maggior protezione all’oggetto e ai commercianti ma d’altro canto sono dannosi per i taccheggiatori, che pur infrangendo la legge son pur sempre esseri umani.

La discussione è aperta, realizzare sfere che danneggiano l’oggetto o realizzare sfere che puniscono fisicamente i trasgressori della legge? Sicuramente sarebbe bene far rispettare la legge in tutti i modi possibile salvaguardando però la salute delle persone.

Commenti

Come dei ganci in plastica aiutano un negozio

Negli ultimi anni si è sviluppata molto l’idea di espositori. Con la crescita dei centro commerciali, dei negozi e di luoghi in cui vi è l’esposizione di articoli. Per tali motivi, con il passare degli anni si sono sviluppati anche i modi di esporre gli oggetti, ovvero sono diventati di vitale importanza i ganci in plastica grazie ai quali è possibile mostrare i vari prodotti.

Tale impostazione di esposizione ha creato un mercato sempre più evoluto e tecnologico nell’ideazione di ganci in plastica. Essi possono essere usati per esporre prodotti, sostenere oggetti o rendere più ordinati scaffali o ripiani di lavoro. Molte aziende che producono oggetti in plastica hanno sviluppato diversi tipi di ganci in plastica per facilitare i clienti nella scelta, ciò ha comportato la nascita di innumerevoli tipi di ganci in plastica.

La crescita esponenziale dei tipi di ganci in plastica ha fatto si che i clienti possano essere sempre più accontentati in quanto trovano sempre il prodotto più idoneo per le loro esigenze. Le tipologie di ganci in plastica principali sono le seguenti:

Ganci in plastica con adesivo:
I ganci in plastica con adesivo sono i più utilizzati in quanto facilitano i commercianti. Questo perché i titolari dei negozi, una volta acquistati i vari prodotti possono scegliere autonomamente quali siano gli oggetti da appendere nei vari espositori e quali lasciare adagiati sugli scaffali. In tal modo i commercianti, utilizzando i ganci in plastica con adesivo, possono pubblicizzare al meglio il proprio negozio, esponendo ad una maggiore attenzione i prodotti più importanti dei loro negozi.

Ganci in plastica per calze:
Altri ganci in plastica molto utilizzati sono i ganci in plastica per calze ovvero un mini appendono in plastica su misura per le calze. Grazie a questi ganci in plastica è possibile sistemare più paia di calzini su un unico espositore postando la vasta gamma che è presente nel negozio. Oltre a promuovere i prodotti dei commercianti questi particolari ganci in plastica permettono una conservazione ottimale del prodotto in quanto l’elastico del calzino non è sottoposto a tensioni che potrebbero rovinarlo. In oltre evita che il tessuto dei calzini si stropicci rendendo poco gradevole la vista del prodotto al cliente

Ganci in plastica a maniglia:
Sono dei ganci in plastica utilizzati per favorire il trasporto di oggetti. Chiunque può acquistare ganci in plastica a maniglia per realizzare borse, rendere più pratica una cartelletta, ottimizzare la visione di oggetti in vetrina oppure riparare oggetti rotti. Il mercato dei ganci in plastica a maniglia sta continuando ad aumentare in quanto la creazione di oggetti fai-da-te è sempre più in crescita ecco come è spiegato il suo maggiore utilizzo.

Ganci in plastica da saldare:
L’ultima categoria di ganci in plastica è quella da saldare. Tali ganci in plastica sono dotati di una parte in metallo la quale è possibile saldarla con un altro elemento. Tali ganci in plastica sono utilizzati maggiormente da aziende che ideano lampadari, cornici per quadri o foto, tende e molti altri oggetti. Essendo un materiale molto economico e leggero, i ganci in plastica da saldare sono elementi in continuo evoluzione poiché sempre più aziende cercano di creare prodotti economici ma di alta qualità.

Come abbiamo visto esistono molti ganci in plastica e tutte queste categorie son nate grazie allo sviluppo di negozi e centri commerciale. Quindi essi non solo hanno portato nuovo lavoro agli italiani ma contribuiscono alla crescita del paese permettendo lo sviluppo di un nuovo dio di mercato.

Commenti

Le grucce e la loro utilità

La storia delle grucce risale al XIX secolo, infatti gli studiosi pensano che fu Thomas Jefferson presidente degli Stati Uniti d’America e inventore ad inventare il prototipo delle grucce di legno per i vestiti.
Quelle a filo son state ispirate da un appendiabiti che sono state inventate nel 1869 da O. A. dello stato del Connecticut. L’invenzione è stata poi attribuita ad un dipendente della Wire Timberlake e Novelty Company, Albert J. Parkhouse di Jackson.

Che utilizzo si fa delle grucce?
Nel 1906 Meyer May, un commerciante di Grand Rapids, Michigan, divenne il primo rivenditore di tali articoli.
Nel 1932 Schuyler C. Hulett brevettò tipi di grucce migliori che evitava la formazione delle pieghe, e infine nel 1935 Elmer D. Rogers aggiunse la barra inferiore alle grucce.

Le grucce esistenti.
Esistono due tipi di grucce a seconda degli abiti che si intende appendervi e dell’utilizzo che si vuol fare:
• Spalle, per appendere facilmente i vestiti senza stropicciarli, viene utilizzata per vestir quali cappotto, giacca, maglione, camicia, ovvero quegli indumenti dalle parti superiori del corpo. Poi è possibile aggiungere una barra inferiore per appenderci pantaloni o gonne.
• Morsetto a clip, barra inferiore o scorsoio, per appendere pantaloni, gonne o kilt, ovvero quelli adibiti alle parti inferiori del corpo.

Materiali.
Le grucce possono essere realizzati con diversi materiali, i quali possono vincolarne la forma. In tal senso il materiale più decisivo è il filo di ferro, che se realizzato tramite filo sottile permette alle grucce di aver le classiche forme triangolari, ma se viene utilizzato uno spessore maggiore può essere realizzato in varie forme, mentre il legno e la plastica le grucce vengono realizzate in diverse forme e varianti.

GRUCCE IN PLASTICA
Le grucce in plastica vanno dalle più basilari come le grucce in plastica nera o colorata alle più particolari come le grucce perlate, le grucce fluorescenti, trasparenti speciali e le grucce laccati antigraffio. Una fase importante per le grucce in plastica è la cromatura ottenibile con oro e argento lucido.
Tutte le grucce in plastica si possono arricchire di finiture particolari, quali la vellutazione parziale o totale, conferendo alle grucce un tocco di classe. Il soft touch darà un effetto satinato agli appendini su base trasparente mentre renderanno i colori più caldi e morbidi al tatto gli appendini in plastica colorata.

GRUCCE IN PLEXIGLASS.
Le nuove tecnologie hanno permesso la realizzazione di nuovi tipi di materiali con i quali realizzare le grucce, un dei quali il PLEXIGLASS. Lo stampaggio ad iniezione e l’assemblaggio delle grucce avvengono all’interno dell’azienda.

GRUCCE IN LEGNO
Grucce invece di particolare eleganza e classe sono quelle realizzare in legno. Esso sono innovative e di alta qualità; personalizzabili secondo le specifiche esigenze di coloro che vogliono rendere unico il proprio guardaroba con grucce personalizzate. La particolarità di queste grucce la possibilità di personalizzarle. Chiunque può chiedere di realizzare le proprie grucce contando su una vasta gamma di esperti del settore in grado di soddisfare qualsiasi tipo di richiesta. Le finiture vanno dalle più basilari quali: il legno naturale non trattato, le tinture trasparenti, per dare risulato alle venature del legno, le laccature dalle più opache alle più lucide.

GRUCCE IN METALLO
Le più comuni grucce son quelle realizzate in metallo. Albert J. Parkhouse di Jackson utilizzando un filo di metallo ha realizzato una delle prime grucce. Al giorno d’oggi le grucce di metallo possono essere non solo di semplice filo bensì più decorate e particolari per soddisfare tutti i gusti delle persone. Servendosi sempre di materiali di alta qualità, le finiture possono essere cromate, in acciaio ed in alluminio. Inoltre su molte grucce è possibile il rivestimento in pelle o con passamanerie in tessuto.

Commenti

L’appendino: caro aiutante dell’uomo ma spesso sottovalutato.

Nessuno sa con certezza come fosse il primo appendino o quali fossero le sue somiglianze agli oggetti esistenti. Sappiamo con certezza che l’appendino venne utilizzato dal 1850 in quanto nell’epoca Vittoriana, le gonne le crinoline, necessitavano di un attento stoccaggio, allora probabilmente la gente ha cominciato ad utilizzare le grucce (sinonimo di appendini) per appendere i propri abiti nel guardaroba. In aiuto ai copiosi vestiti femminili vennero gli inventori e i costruttori di appendini, dotati di molti gadget, per favorire alle gonne e agli abiti vaporosi di non stropicciarsi.

Ma lo sviluppo degli appendini non si fermò e cominciarono ad inventare gli appendini per altri capi quali le camice, giacche, pantaloni e, per tali motivi si idearono appennini da viaggio. Sarti e commercianti di abbigliamento rimasero estasiati e riconobbero che tale invenzione sarebbe divenuta utile per le loro attività. Entro i primi del 1900 l’umile appendini era diventato indispensabile, e centinaia di disegni e modelli furono ideati e registrati presso l’ufficio brevetti degli USA.

Gli appendini sono dispositivi a forma di “spalle umane” pensati per semplificare “l’impiccagione” di un capo che può essere cappotto, giacca, maglione, camicia, camicetta o vestito, in modo tale da impedire che essi si stropiccino. In oltre gli appendini Possono avere una barra inferiore che serve ad appoggiare i pantaloni o dei gancetti per appendere le gonne.

Ci sono tre tipi base di appendini:

- I primi tipi di appendini sono a filo di ferro. Possono essere più o meno grossi a forma di triangoli che si chiudono formando ganci in alto, che serviranno per essere appesi.

- I secondi sono gli appendini in legno, che consistono in pezzi di legno tagliati a forma rettangolare simile a boomerang con bordi levigati per prevenire danni agli abiti appesi e un gancio, di solito in metallo. Anch’essi possono avere applicato nella parte sottostante una barra in legno tondeggiante la quale serve per appendere i pantaloni o ganci per gonne.

- I terzi tipi, il più usati ai tempi nostri, sono gli appendini in plastica. Sono il più versatili sia per il colore che per il materiale, questi appendini son i più usati per le piccole taglie, quindi maggiormente utilizzati nell’abbigliamento dei bambini.

Alcuni storici sostengono che i primi appendini erano per i cappotti e fossero in legno, e siano stati inventati dal terzo presidente degli Stati Uniti Thomas Jefferson. Ad egli vengono attribuite innumerevoli invenzioni come l’aratro in legno, la macchina da scrivere portatile, la sedia girevole e molte altre tra le quali per l’appunto gli appendini.

Parlando del futuro immediato il più popolare, e forse il prototipo per eccellenza di design per appendini a venire, è il filo appendini, ma prima il filo appendini, è stato il così detto “gancio cappotto”. La sua scoperta ha origine in un “gancio per abbigliamento” nel 1869 da O.A a nord di New Britain nel Connecticut. Tuttavia la vera scoperta degli appendini a filo fu accreditata nel 1903 ad un impiegato della società TIMBERLAKE WIRE & NOVELTY COMPANY IN JACKSON, nel Michigan, al sig. Albert J. ParkHouse, che in risposta ai suoi compagni di lavoro, i quali sottolineavano il problema dei troppi cappotti da appendere ed i troppo pochi ganci su cui appenderli, prese un pezzo di filo lo modificò formando 2 ovali nel punto in cui appoggiavano le spalle, piegò le estremità per formare così il gancio.
Per comprendere l’importanza e l’influenza degli appendini nella società che viviamo, basti pensare al celebre film “MAMMIMA CARA” in cui la protagonista Loan Crawford, entra di notte nella stanza da letto della figlia con l’intento di ammirare i bellissimi abiti costosi, appesi in modo ordinato all’interno dell’armadio. Si accorge così che la figlia ha appeso gli abiti su appendini di filo di ferro. Secondo la protagonista gli appendini in ferro erano troppo poveri per il loro ceto sociale ed così inferisce sulla figlia in modo molto aggressivo facendo chiaramente trasparire il suo punto di vista “tu che vivi nella più bella casa di Brentowwod non t’ importa se i tuoi abiti sono appesi ad un filo di ferro”

Naturalmente lo sviluppo degli appendini ha continuato a prosperare nel corso degli anni. Gli appendini di plastica sono ora i più popolari per uso domestico, mentre quelli in finiture di legni pregiati o tinture particolari abitano i negozi al dettaglio più famosi.

Alcuni appendini possono essere rivestiti in gomma per non far scivolare i vestiti, altri appendini imbottiti con materiali pregiati per evitare di rovinar il capo, come il raso adatti soprattutto per la lingerie oppure possono essere rivestiti totalmente o parzialmente di velluto per proteggere gli indumenti.

Quindi, anche se noi spesso non badiamo a quale tipo di appendini abbiamo nell’armadio, essi svolgono un compito molto importante all’interno dei nostri guardaroba salvaguardando i capi e proteggendoli da deterioramenti che sarebbero inevitabili qualora essi non esistessero.

Commenti

Idee vacanze: una crociera in Grecia

Una crociera in barca a vela in Grecia: e se fosse questa la vacanza in grado di mettere d’accordo tutti e regalare un’esperienza mozzafiato e fuori dagli schemi? Perché, diciamocelo, quando si pianifica un viaggio, che sia per due persone o che sia per una comitiva, la parte più difficile è sempre riuscire a mettere d’accordo tutti i partecipanti. C’è chi sogna un soggiorno in grande stile, all’insegna del divertimento e delle emozioni forti, chi desidera approfondire l’arte e la cultura di località distanti dalla propria cultura, chi lega all’idea di viaggio quella delle suggestioni di paesaggi e contesti naturali e chi vorrebbe soltanto rilassarsi un po’ per staccare dal solito tran tran della vita metropolitana. La Grecia propone tutto ciò: panorami unici, fascinazioni artistiche e ricchezza culturale, spiagge adattissime a chi ricerca un po’ di quiete e a chi, invece, vive il contesto balneare come un luogo di divertimenti. Ogni isola è la pagina di un libro straordinario, vario e unico, con al proprio interno altre storie e altre suggestioni, che si rivelano a poco a poco e che si lasciano scoprire ogni volta in maniera diversa. Poi si ricomincia a discutere tra chi preferirebbe Corfù perché più mondana, chi Itaca perché offre una natura inviolata e chi ancora Cefalonia, Zante o Paxos. Quindi? Quindi ecco l’idea della crociera in barca a vela. Perché scegliere una località, un’isola, un atollo, quando si possono visitare tutti?

Ma non finisce qui. A bordo di un lussureggiante e imponente catamarano, il tragitto è viaggio nel viaggio. Solcare il Mar Mediterraneo nella maniera più naturale, rivivere con lo stesso incanto un approccio con il mare che sia autentico e ricco di emozioni. Tra mar di Grecia, isole di ogni forma e stile, folclore e navigazione a mare aperto, trovare un accordo che non sia un semplice compromesso diventa impresa a portata di mano.

Commenti

STAR WARS DAY ITALIANO AL COLOSSEO

Dal Campidoglio al Colosseo, il primo grande Star Wars Day italiano!

 

Roma, 6 maggio 2014

Il presidente dell’Assemblea capitolina, Mirko Coratti, ha accolto con grande entusiasmo in Aula “Giulio Cesare” il presidente della Walt Disney Company Daniel Frigo e il dott. Francesco Romeres, COO di Armosia società organizzatrice dell’Evento, in occasione del primo Star Wars Day italiano, che ha avuto il Colosseo come location esclusiva. Con loro anche Darth Vader, scortato da tre guardie imperiali.

“Attraversare una piazza del Campidoglio gremita di turisti insieme ai personaggi dell’importante saga di Star Wars è stata davvero un’emozione forte” ha detto il presidente Coratti. “Sono stato contento di averli avuti ospiti. Li aspettiamo ancora e torneranno presto. Il presidente Daniel Frigo, infatti, ha promesso che saranno nuovamente qui in occasione della prima del prossimo attesissimo Star Wars Episodio VII, in uscita nel 2015”. 

Commenti

Il meglio del Made in Italy in Russia

ItalyContact.com presenta un nuovo progetto internazionale rivolto alle piccole e medie imprese italiane che vogliono:

  • Espandere o puntare sull’export in Russia e nei paesi dell’Est, acquisendo richieste qualificate di operatori interessati ad importare da fornitori italiani del proprio settore;
  • Aumentare il numero di potenziali clienti e la visibilità e la conoscenza dell’azienda e dei relativi marchi in Russia;
  • Trovare nuovi agenti, rappresentanti e rivenditori all’estero;
  • Aumentare considerevolmente il numero di visite al proprio sito WEB aziendale;
  • Usare uno strumento supplementare per vendere on-line i prodotti, eccedenze di magazzino ecc.;
  • Ricevere gli ordini e le richieste di preventive direttamente dagli acquirenti russi;
  • Trovare nuove opportunità commerciali che altrimenti sarebbero perse;
  • Acquisire nuovi mercati e tipologie di clienti ora irraggiungibili;
  • Avere costi e tempi ridotti per marketing, comunicazione e vendite.
  • Avere i servizi e l’assistenza per l’esportazione in Russia

Aderendo alla piattaforma è possibile usufruire di numerose funzionalità offerti per promuovere l’azienda, vendere i prodotti, comunicare direttamente con gli operatori e/o acquirenti russi, ricevere gli ordini e le richieste di preventivi oppure usufruire di servizi finalizzati a supportare le aziende nell’esportazione in Russia.

Entra anche tu far parte del salone virtuale della Moda, Design, Industria, Food – 100% made in Italy studiato appositamente per il mercato Russo.

Per info e adesioni chiama al numero Tel. + 39 0306863372 oppure invia una mail a info@italycontact.com

Commenti

Esportazione in Russia – da dove iniziare?

Russia Service offre un servizio che prevede l’attivazione di un ufficio estero esterno, operante a tutti gli effetti esternamente all’azienda, ma in stretta relazione con l’ufficio commerciale dell’azienda stessa. Ci occuperemo noi di tutto ciò che sarà utile per la vostra azienda, dal contatto con i possibili interlocutori alla certificazione dei vostri prodotti. Vi mettiamo a disposizione un ufficio estero dedicato in esclusiva dell’azienda cliente.

Il nostro lavoro consiste nel:

  • Eseguire audit con l’impresa per la raccolta delle informazioni primarie (prodotto, canali, concorrenza, prezzi);
  • Verificare l’adeguatezza del materiale di supporto in possesso dell’impresa cliente;
  • Se necessario, progettazione o aggiornamento degli strumenti di vendita utili (ad esempio la versione elettronica della tua brochure in lingua russa, un template grafico per le e-mail ecc.);
  • Definire delle caratteristiche che devono avere i potenziali clienti e creare una lista di 100 contatti commerciali;
  • Contattare direttamente le aziende;
  • Presentare i prodotti;
  • Verificare l’interesse effettivo verso i prodotti dell’impresa cliente;
  • Inviare cataloghi, listini prezzi;
  • Fornire ulteriori chiarimenti;
  • Eseguire le traduzioni;
  • Gestire la comunicazione commerciale;
  • Fare indagini sull’affidabilità della controparte;
  • Fornire informazioni e preventivi per i certificati richiesti;
  • Assistere durante le trattative;
  • Raccogliere gli ordini;
  • Coordinare le attività di export per ridurre i costi;
  • Fornire informazioni sui codici doganali e documenti richiesti per esportare in Russia.

 

Quali sono i vantaggi per l’azienda?

 

  •       nessun costo di gestione o di struttura interna
  •       nessun investimento in risorse umane
  •       rapporto diretto con i propri clienti esteri

 

Condizioni di fornitura:

Il costo e la durata del servizio varia in base al prodotto destinato all’export in Russia e al settore d’attività. Richiedi un preventivo, chiama al 030 6863372 oppure invia una mail a info@russiaservice.it

Commenti

Il nuovo FRITZ!WLAN Repeater 450E estende la portata della rete wireless

logoavm Il nuovo FRITZ!WLAN Repeater 450E estende la portata della rete wireless

  • Incrementa la portata della rete wireless in modo rapido e semplice.
  • Wireless N con fino a 450 Mbit/s nella banda da 2.4-GHz per una connettività di rete ultraveloce
  • Porta gigabit LAN per connettere dispositivi non dotati di supporto per reti wireless
  • Design compatto: può essere utilizzato con qualsiasi presa
  • Il nuovo FRITZ!WLAN Repeater 450E è ora disponibile al prezzo di listino raccomandato di € 69 IVA inclusa

Berlino | Il FRITZ!WLAN Repeater 450E è il nuovo prodotto AVM per estendere la portata del segnale wi-fi in modo rapido e semplice. Il nuovo ripetitore offre connettività wireless veloce e stabile nella frequenza da 2,4-GHz con un throughput di fino a 450 Mbit/s. Grazie alla porta LAN gigabit, anche le periferiche che non dispongono di connettività wireless propria possono essere facilmente integrate nella rete domestica. Grazie al design compatto, il ripetitore può essere impiegato con qualsiasi presa. L’interfaccia di gestione internazionale multilingua è anche in italiano. Il nuovo FRITZ!WLAN Repeater 450E è disponibile presso i rivenditori autorizzati AVM al prezzo di listino raccomandato di EUR 69 IVA inclusa.

AVM FRITZWLAN Repeater 450E Il nuovo FRITZ!WLAN Repeater 450E estende la portata della rete wireless

AVM FRITZ!WLAN Repeater 450E

Rete wireless N veloce – throughput elevato
Con un throughput di fino a 450 Mbit/s nella banda di frequenza da 2,4-GHz il nuovo FRITZ!WLAN Repeater 450E sfrutta i vantaggi della nuova generazione del protocollo wireless N per una trasmissione dati ancora più veloce via WLAN. Il FRITZ!WLAN Repeater 450E supporta gli standard radio 802.11n/g/b, è quindi il dispositivo ideale per l’estensione della copertura di una qualsiasi rete wi-fi esistente. L’integrazione di antenne MIMO (Multiple Input Multiple Output) e l’uso delle più nuove tecnologie garantiscono una portata ed un throughput significativamente più elevati rispetto alle precedenti soluzioni basate sul protocollo 11n.

Impiego flessibile grazie alla porta gigabit LAN
La porta gigabit LAN consente a periferiche di rete tra cui TV, console di gioco, riproduttori blu-ray e stampanti di essere facilmente integrati nella rete domestica. In alternativa, il FRITZ!WLAN Repeater 450E può essere collegato al router in modalità “ponte LAN” impiegando un cavo di rete o avvalendosi di una connessione powerline. Ciò implica che è possibile superare senza difficoltà anche ampie distanze. Qualora impiegato in tale modalità, il FRITZ!WLAN Repeater 450E opera come access point wireless, con una velocità di trasferimento dati di fino a 450 Mbit/s nella rete instaurata sulla frequenza radio da 2,4-GHz.

Facile installazione – massima sicurezza della rete wireless – ideale in combinazione con FRITZ!Box
Il design particolarmente compatto consente un uso del ripetitore con qualsiasi presa elettrica. Non sono necessari cavi speciali o specifici adattatori. Il FRITZ!WLAN 450E assicura anche la massimo sicurezza poichè supporta le più moderne metodologie di cifratura del traffico quali WPA2 (802.11i), WPA e WEP. Il FRITZ!WLAN Repeater 450E si interfaccia perfettamente con i FRITZ!Box dotati di connettività wireless LAN, tra cui il FRITZ!Box 7490, 7272, 3272 e 3390. Tramite WPS (Wi-Fi Protected Setup) il ripetitore si configura automaticamente premendo un semplice pulsante ed adotta quanto già impostato nel FRITZ!Box per la rete wireless (servizio notturno o accesso ospite alla rete wi-fi).

FRITZ!WLAN Repeater 450E – una panoramica

  • Incrementa la copertura wi-fi in modo rapido e semplice
  • Wireless N con fino a 450 Mbit/s nella banda di frequenza da 2,4-GHz per una connettività wi-fi ultraveloce
  • Compatibile con i più comuni router wireless (standard radio 802.11n/g/b)
  • Massima sicurezza della WLAN con WPA2
  • Wi-Fi Protected Setup (WPS) – configurazione facile e sicura della rete wireless premendo un semplice pulsante
  • Rapida identificazione del miglior posizionamento del ripetitore grazie alla visualizzazione della qualità del segnale radio attraverso cinque indicatori di potenza dotati di LED
  • Le periferiche collegate alla porta gigabit LAN (stampanti, console e similari), vengono dotate in pochi secondi di connettività wireless.
  • Design compatto per l’uso con qualsiasi presa

Commenti

Come fare soldi : L’imprenditore del futuro

L’imprenditoria è sempre stata considerata come una strada più difficile e tortuosa, ma più remunerativa e soddisfacente. Fra gli anni 70 e gli anni 90, moltissimi lavoratori hanno preferito cercare impieghi nell’ambito del settore terziario a causa della stabilità di tali professioni. In tempi recenti, il susseguirsi di varie crisi economiche hanno minacciato la stabilità di quest’industria, per non parlare del continuo progresso tecnologico che minaccia di rendere il lavoro da scrivania sempre più obsoleto è superfluo, come già da tempo è avvenuto per il lavoro generico manuale.
Di conseguenza, l’imprenditoria sta tornando alla riscossa come una delle migliori opportunità per fare soldi.Per alcuni fronti, a differenza di quanto accadeva qualche decennio fa, essere un imprenditore al giorno d’oggi è molto più facile. Grazie ad internet, e possibile infatti risparmiare moltissimi soldi su una vasta gamma di processi, dal branding alla promozione, fino alla produzione stessa dei beni e dei servizi e vendita. Se poi parliamo di imprenditoria online, l’investimento è prossimo allo zero.

Come Fare soldi in qualità di imprenditore non è un processo immediato, ma una volta che un business splende il proprio ritmo, i guadagni diventeranno più stabili e più facili da controllare. Ma che un business acquista popolarità e credibilità, i servizi e dei prodotti in vendita saranno sempre più ricercati e contribuiranno a creare una fonte di guadagni stabile e sicura nel corso del tempo. Se la vostra intenzione è quella di fare soldi nel modo più in fretta possibile, forse iniziare un business non fa per voi. Ma se siete disposti a sviluppare le vostre idee a lungo termine, questa è la strada giusta.

Commenti