Trucchi Pokémon Go

Archive for Computer

Eurel Informatica S.p.a.: 30 anni di ricerca e innovazione a servizio della democrazia

Ricerca e innovazione. Sono queste le parole che hanno contraddistinto i 30 anni di attività  dell’Eurel Informatica S.p.a., azienda leader in Europa nel campo della progettazione di sistemi di votazione elettronica e di soluzioni informatiche per la PA e per le assemblee legiferanti.

L’Eurel nasce il 19 febbraio 1986, a Roma,e comincia a realizzare fin dal 1987 i sistemi di votazione elettronica per una delle assemblee più grandi del mondo, il Parlamento europeo dove, ancora oggi, sono presenti oltre 7000 postazioni targate Eurel Informatica S.p.a. Negli anni ’90 anche il Parlamento italiano ha deciso di installare le soluzioni ad alta tecnologia progettate dall’Eurel, tra le quali il famoso sistema finger print “anti pianista”, nelle aule della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica.

In poco tempo i sistemi Eurel sono diventati uno standard tecnologico adottato non solo dalle grandi aule parlamentari ma anche dalle assemblee legislative di dimensioni minori, come quelle di Comuni, Province e Regioni. Attualmente i sistemi di votazione elettronica dell’azienda sono installati in centinai di enti locali italiani, da Nord a Sud, e nelle aule di enti istituzionali come la CEI e il Consiglio superiore della magistratura.

Oggi l’Eurel Informatica S.p.a. continua con entusiasmo a guardare verso il futuro e a cogliere le opportunità offerte dalle moderne tecnologie.

L’Information Technology è un settore in continuo sviluppo e la sfida più importante è restare sempre al passo con le sue evoluzioni. Per questo l’Eurel Informatica S.p.a. continua ad investire nella ricerca e nell’innovazione, esplorando le nuove frontiere della tecnologia, dalla dematerializzazione ai servizi wi-fi, passando per le soluzioni cloud e i dispositivi mobile, mettendole a disposizione di piccole e grandi assemblee parlamentari.

Negli anni ’80 erano in pochi a credere alle opportunità offerte dall’applicazione delle tecnologie informatiche all’attività delle aule parlamentari. Eppure, dal 1987 l’azienda ha raggiunto un ruolo di primo piano a livello internazionale.

Oggi come allora, l’Eurel Informatica S.p.a. punta a migliorare sempre di più le prestazioni e gli standard tecnologici dei suoi sistemi informatici, con la convinzione che, grazie al suo solido passato, sarà più semplice continuare ad immaginare il futuro

Commenti

Online da oggi il nuovo sito internet di Naxa

L’agenzia di Digital Marketing al servizio delle PMI è da oggi online con il nuovo sito

Bernareggio, 16 febbraio 2016Naxa Advertising, digital marketing agency, dal 2007 è al servizio delle piccole e medie imprese del nord Italia con lo scopo di guidarle nel loro percorso di digitalizzazione. Per perseguire in modo sempre più performante la sua mission in favore delle PMI italiane, Naxa ha deciso di rinnovare completamente il proprio sito web sia nella veste grafica che in termini di usability.

 

Il nuovo layout di naxa.ws si ispira alle più moderne logiche di material design attraverso le quali vuole offrire un’esperienza unificata tra diverse piattaforme agevolando così la customer experience del proprio target di riferimento. Grazie al material design le interfacce grafiche si comportano come oggetti reali adattandosi alle varie situazioni e lo spazio, il colore, il font, i grassetti creano una gerarchia in grado di guidare l’utente nella navigazione.

 

“L’obiettivo è garantire un facile accesso alle aziende” ha dichiarato Paolo Sirtori, Amministratore delegato di Naxa “che sul nostro sito hanno la possibilità di utilizzare tool all’avanguardia per calcolare il proprio posizionamento o il proprio rank sul web. In altre parole il nuovo sito web di Naxa non è solo il canale con cui la nostra Digital Marketing Agency vuole farsi conoscere, ma vuole essere anche una fonte di informazioni e risorse per i meno esperti. Questo tipo di orientamento riflette il forte impegno della nostra società verso le piccole medie imprese”.

 

“Più della metà delle 400 aziende italiane nostre clienti” continua Sirtori “oggi trae oltre l’80% del proprio fatturato dal web. Un risultato che è stato raggiunto anche grazie al servizio taylor made che Naxa è stata in grado di cucire loro addosso. Con il nuovo sito vogliamo far crescere queste percentuali e aiutare sempre più realtà a ottimizzare il proprio

business”.

 

Per maggiori informazioni:

 

 

Per ulteriori informazioni:

Ufficio stampa Naxa

Elisa Colombo

Telefono: 039-9253253

Mail: info@naxa.ws

 

NAXA Advertising srl

Fondata nel gennaio del 2007 come agenzia SEO, Naxa è oggi una Digital Marketing Agency completa e capace di rispondere proattivamente alle evoluzioni del mercato web. Offriamo soluzioni intelligenti per piccole e medie imprese e seguiamo progetti evoluti per grandi realtà aziendali. Un team di 20 professionisti lavora al successo delle vostre strategie di marketing digitale.

Commenti

Batterie pour A42-k54

Ceux qui sont en quête d’un ordinateur portable polyvalent à prix doux doté d’un lecteur Blu-Ray devraient être intéressés par l’pour X53TA-SX104V de 15.6 pouces qui tourne sous plateforme AMD Sabine avec un APU Llano A6, une carte graphique AMD de dernière génération avec technologie Hybrid CrossFire, un bon espace de stockage et de l’USB 3.0, le tout pour moins de 500 euros !

La technologie Palm Proof empêche le touchpad de s’activer s’il est effleuré par la paume lors de la saisie alors que Power4Gear ajuste automatiquement la vitesse du ventilateur pour offrir un fonctionnement silencieux. Batterie pour A32-k53 IceCool elle fait en sorte de maintenir le repose-poignets à une température confortable.

Livré avec, Microsoft Office Starter 2010 comporte versions allégées de Word et Excel. Il est cependant possible de bénéficier de toutes les fonctionnalités de la suite Office en achetant une carte d’activation (ou une version boite) auprès de Microsoft ou chez les revendeurs partenaires.

4400mAh Batterie pour Asus A32-k53

Avec un revêtement texturé présent sur la coque et le repose-poignets ainsi qu’un coloris marron foncé, ce portable arbore une allure originale et sobre à la fois.

Disponible pour moins de 500 euros ici chez GrosBill, l’pour X53TA-SX104V offre un rapport équipement/prix attractif par rapport à la concurrence.

Il fonctionne sous la nouvelle plateforme Sabine d’AMD avec un APU (Accelerated Processing Unit) Llano A6-3400M qui couplé aux 4 Go de mémoire vive assure des prestations très correctes en utilisation courante et multitâches pas trop poussé.

De son côté, Batterie pour K53TA la partie graphique Radeon HD6720G2 se compose de la carte dédiée Radeon HD6650M et de la partie graphique Radeon HD6520G intégrée à l’APU via la technologie Hybrid CrossFire avec AFR (Alternate Frame Rendering) : les deux parties graphiques se partagent donc l’affichage des images dans les jeux par exemple.

En pratique, il est donc possible de lire sans souci des vidéos HD mais aussi de s’adonner à bon nombre de jeux si l’on adapte les niveaux de détails et la résolution de l’écran sous les plus demandeurs. Les performances dépendent des pilotes employés et s’avèrent un peu au-dessus de la Radeon HD6650M.

Autre atout de ce portable, sa connectique qui propose du Wi-Fi n, des sorties vidéos HDMI et VGA, des ports audio mais aussi 1 USB 3.0 en plus de 2 USB 2.0 afin de bénéficier de transferts rapides avec des périphériques USB 3.0.

Un lecteur Blu-Ray est aussi au programme pour visionner ces médias en Haute Définition mais pour en profiter réellement, Batterie pour x53s il sera nécessaire d’employer un écran externe Full HD en le connectant via la sortie HDMI. L’écran affiche en effet des caractéristiques standard avec format 16/9ème et résolution de 1366×768.

Quant au disque dur, il offre un bon espace de stockage de 640 Go alors que le poids de ce portable est tout à fait correct au vu de la configuration embarquée et de son positionnement.

L’pour K73TA-TY027V est un ordinateur portable polyvalent de 17.3 pouces qui s’affiche à moins de 600 euros sous plateforme AMD Sabine avec un APU Llano A4, un bel espace de stockage, de l’USB 3.0 ainsi qu’une partie graphique Radeon HD6650M Hybrid Crossfire.

Ce portable arbore une couleur marron ainsi qu’un revêtement texturé au niveau du repose-poignets et de la coque alors que le pourtour du clavier possède une finition métal brossé.

Il bénéficie de la technologie Palm Proof qui fait en sorte d’empêcher l’activation du curseur si la paume effleure le touchpad. IceCool qui conserve le repose-poignets à une température confortable et Power4Gear qui ajuste automatiquement la vitesse du ventilateur afin de réduire les nuisances sonores sont aussi de la partie.

Fourni avec, Microsoft Office Starter 2010 intègre des versions limitées de Word et Excel. Il est cependant possible de bénéficier de toutes les fonctionnalités de la suite Office en achetant une carte d’activation (ou une version boite) auprès de Microsoft ou chez les revendeurs partenaires.

L’pour K73TA-TY027V pourra intéresser ceux qui souhaitent s’équiper d’un portable grand format en vue d’une utilisation polyvalente classique.

Il intègre un bel espace de stockage de 750 Go afin de pouvoir conserver de nombreux fichiers directement sur le PC ainsi qu’une connectique à même de satisfaire une majorité d’utilisateurs potentiels. Des modules sans-fil Wi-Fi n et Bluetooth 3.0+HS sont en effet présents tout comme des sorties vidéos HDMI et VGA ainsi que 4 ports USB. De plus, l’un des USB est en fait un USB 3.0 : si l’on y branche un périphérique USB 3.0, Batterie pour x53e les transferts sont alors jusqu’à 10 fois plus rapides qu’en USB 2.0.

L’écran est plus standard avec sa résolution de 1600×900, son traitement brillant et son format 16/9ème qui se prête bien à la lecture de vidéos. La carte graphique Radeon HD6650M est justement en mesure de lire sans difficulté des vidéos HD. Ce GPU est en fait associé à la partie graphique Radeon HD6480G intégrée à l’APU (Accelerated Processing Unit) pour offrir de meilleures performances, de quoi par exemple jouer à des titres pas trop gourmands en ressources 3D en adaptant les niveaux de détails et la résolution de la dalle.

Quant à l’APU Llano A4-3300M, il assure des prestations correctes en usage courant et multitâches pas trop poussé, aidé par les 4 Go DDR3 de mémoire vive. Il est d’ailleurs possible de passer à 8 Go DDR3 en ajoutant une barrette, ce qui est appréciable en termes d’évolutivité.

On peut actuellement se procurer l’pour K73TA-TY027V pour moins de 600 euros là chez Amazon, ici chez LDLC ou encore là chez Materiel.net, ce qui le positionne dans la petite moyenne de sa catégorie.

La technologie Palm Proof empêche le touchpad de s’activer s’il est effleuré par la paume lors de la saisie alors que Power4Gear ajuste automatiquement la vitesse du ventilateur pour offrir un fonctionnement silencieux. IceCool elle fait en sorte de maintenir le repose-poignets à une température confortable.

Livré avec, Microsoft Office Starter 2010 comporte versions allégées de Word et Excel. Il est cependant possible de bénéficier de toutes les fonctionnalités de la suite Office en achetant une carte d’activation (ou une version boite) auprès de Microsoft ou chez les revendeurs partenaires.

Avec un revêtement texturé présent sur la coque et le repose-poignets ainsi qu’un coloris marron foncé, Batterie pour A42-k54 ce portable arbore une allure originale et sobre à la fois.

Disponible pour moins de 500 euros ici chez GrosBill, l’pour X53TA-SX104V offre un rapport équipement/prix attractif par rapport à la concurrence.

Il fonctionne sous la nouvelle plateforme Sabine d’AMD avec un APU (Accelerated Processing Unit) Llano A6-3400M qui couplé aux 4 Go de mémoire vive assure des prestations très correctes en utilisation courante et multitâches pas trop poussé.

De son côté, la partie graphique Radeon HD6720G2 se compose de la carte dédiée Radeon HD6650M et de la partie graphique Radeon HD6520G intégrée à l’APU via la technologie Hybrid CrossFire avec AFR (Alternate Frame Rendering) : les deux parties graphiques se partagent donc l’affichage des images dans les jeux par exemple.

En pratique, il est donc possible de lire sans souci des vidéos HD mais aussi de s’adonner à bon nombre de jeux si l’on adapte les niveaux de détails et la résolution de l’écran sous les plus demandeurs. Les performances dépendent des pilotes employés et s’avèrent un peu au-dessus de la Radeon HD6650M.

Autre atout de ce portable, sa connectique qui propose du Wi-Fi n, des sorties vidéos HDMI et VGA, des ports audio mais aussi 1 USB 3.0 en plus de 2 USB 2.0 afin de bénéficier de transferts rapides avec des périphériques USB 3.0.

Un lecteur Blu-Ray est aussi au programme pour visionner ces médias en Haute Définition mais pour en profiter réellement, il sera nécessaire d’employer un écran externe Full HD en le connectant via la sortie HDMI. L’écran affiche en effet des caractéristiques standard avec format 16/9ème et résolution de 1366×768.

Commenti

La correlazione tra obesità e videogiochi nei minori

Che i bambini di oggi siano molto più vicini alla tecnologia di quanto non lo fossero in passato è un dato di fatto che tutti possono quotidianamente constatare, tanto che l’espressione “nativi digitali” è ormai entrata nel vocabolario abituale. Predisposti all’utilizzo di videogiochi (uno dei più famosi tra i giovanissimi e senza dubbio Candy Crush, PC, smartphone, tablet sin da piccolissimi, sono attratti dai device tecnologici per le tante tipologie di attività che consentono di svolgere, per la loro interattività, ma anche perché utilizzati dagli adulti, modelli di riferimento che i bambini tendono ad imitare costantemente.

Le ricerche ci dicono che è in crescita il numero dei bambini che si approcciano quotidianamente ai device mobili, con percentuali in Italia che vanno dal 12% al 51% a seconda che si tratti di smartphone, tablet o laptop. Un’ulteriore conferma a quello che possiamo osservare in casa con i nostri piccoli “nativi digitali” che ci chiedono spesso di poterli usare o di navigare sui siti che parlano di questi giochi, per esempio Trucchi Candy Crush Soda, il sito della community italiana dedicata a questo titolo sviluppato da King.

Di fronte a questa tendenza sono tante le domande: “È giusto permetterglielo? Che effetti avrà sul loro sviluppo cognitivo? Da che età si può iniziare a usarli?”

Più che una questione di socialità, sembrerebbe una questione di salute e benessere. Negli ultimi anni l’uso di videogiochi è stato associato a un aumento del peso che può sfociare nell’obesità. Per spiegare questa correlazione sono stati tirati in ballo, di volta in volta, le abitudini sedentarie (stazionare di fronte a un monitor non favorisce certo l’attività fisica), le pubblicità più o meno occulte di cibo spazzatura, l’impoverimento delle relazioni sociali e molto altro.

Finora, però, non era stato mai dimostrato con chiarezza che i videogame di per se stessi facessero mangiare di più: che ci sia cioè un rapporto di causa-effetto tra l’amore per il gioco virtuale e l’accumulo di peso.

Per capirlo, un team di ricercatori canadesi e danesi ha condotto alcuni test specifici su 22 diciassettenni, abituali utilizzatori dei giochi virtuali. I partecipanti sono stati invitati a non mangiare nulla dopo cena, a dormire e, il mattino successivo, a presentarsi nel centro di ricerca, dove hanno ricevuto tutti la stessa colazione normale, alle otto.

Alle dieci e mezza sono stati suddivisi in due gruppi: uno di controllo, invitato a non fare nulla di particolare per un’ora, e un altro chiamato a giocare per lo stesso periodo di tempo. Nel frattempo, ai ragazzi sono stati fatti prelievi di sangue ogni dieci minuti, esami sul consumo di calorie e poste domande sull’appetito, per misurare parametri fisologici come la quantità di zuccheri nel sangue, l’attività dell’insulina, le calorie assunte, il senso si fame e quello di sazietà, il dispendio energetico e altro ancora.

Al termine, tutti hanno avuto libero accesso a pietanze varie, tra le quali la pasta. L’eperimento è stato ripetuto in due occasioni.

Come hanno riferito gli autori sull’American Journal of Clinical Nutrition, i dati hanno mostrato che chi gioca consuma più energia (21 calorie all’ora in più rispetto ai ragazzi del gruppo di controllo), ma poi assume anche 80 calorie in più, anche se afferma di non avere più fame rispetto agli altri. Il bilancio finale è risultato quindi a sfavore di chi ha passato due ore col videogioco, che in media ha incamerato 163 chilocalorie in più rispetto a chi non ha giocato.

Naturalmente, hanno sottolineato gi autori, questo è solo un primo passo verso la comprensione di un fenomeno che resta poco chiaro: non si capisce infatti perché, pur non provando particolari stimoli a mangiare, i giocatori di fatto assumano più calorie. Non solo: i test effettuati descrivono ciò che accade in seguito a brevi sedute di gioco, ma quello che sarebbe davvero utile, al fine di programmare strategie efficaci, sarebbe capire che cosa accade in chi gioca abitualmente, magari per diverse ore al giorno.

Commenti

Il percorso professionale del CEO di Be-Simple, Gabriele Sannicandro

Gabriele Sannicandro, classe 1971, è ora CEO e Direttore Tecnico di Be Simple S.r.l., società attiva a livello nazionale nel panorama dei servizi di consulenza e progettazione di infrastrutture ICT.

La formazione in ambito tecnico-informatico del CEO Gabriele Sannicandro
Gabriele Sannicandro
nel 1985 intraprende la propria formazione tecnica presso l’istituto G. Giorgi, acquisendo competenze da programmatore e sistemista informatico. Durante l’esperienza presso la facoltà di Ingegneria informatica dell’Università degli Studi di Pavia, Gabriele Sannicandro intraprende le prime collaborazioni come programmatore per sistemi basati su linguaggio Visual Basic e Clipper. Nel 1996, a seguito della qualifica di Sistemista Microsoft Windows, intraprende una cooperazione con la società Epson Italia. Grazie ad una comprovata conoscenza dei sistemi Microsoft, nel 1998 intraprende l’attività di formatore per ambienti Windows, fondato nello stesso tempo anche Sisney S.r.l., società attiva nel panorama dell’Information e Comunication Technology. Gabriele Sannicandro nel 2002 approfondisce le proprie conoscenze, rivestendo tra i primi a livello nazionale il ruolo di Sistemista Wmware certificato.

Gabriele Sannicandro e la fondazione della società Be Simple S.r.l.
Gabriele Sannicandro
oggi riveste il ruolo di CEO e Direttore Tecnico di Be-Simple S.r.l., società fondata nel 2009 e attiva nella consulenza e progettazione ICT. Con sede presso la città di Seregno, la società fondata da Gabriele Sannicandro propone soluzioni tecnologiche dedicate a semplificare le attività di gestione operativa dei sistemi informatici. Assistendo il cliente in tutte le diverse fasi di creazione e gestione, Be Simple integra le proprie competenze e risorse al fine di garantire un’infrastruttura idonea alle diverse esigenze.


Visita il profilo Professionale dedicato a Gabriele Sannicandro, CEO di Be Simple S.r.l.

Commenti

Il successo di Clash of Clans

L’idea alla base di Clash of Clans è quella tipica dei giochi gestionali: un’area da bonificare sulla quale edificare quello che diverrà il villaggio del nostro Clan. La costruzione dei vari edifici avverrà grazie all’investimento di oro, elisir e gemme, risorse che dovremo procurarci autonomamente tramite le apposite strutture ed il conseguimento di svariati compiti. All’inizio il nostro accampamento vanterà soltanto una miniera d’oro, un muratore ed il municipio; purtroppo verremo subito attaccati dai goblin, ma grazie al semplice tutorial riusciremo a difenderci degnamente e a lanciare subito un feroce contrattacco sui nemici.

I controlli di Clash of Clans sono molto semplici: tappando con il dito sullo schermo decideremo semplicemente quale tipo di guerriero schierare sul campo di battaglia e la miglior posizione dalla quale far attaccare le difese nemiche per poi penetrare nel villaggio. La valutazione finale si baserà infatti sul livello di distruzione arrecato alla base nemica e a seconda del punteggio ottenuto verremo premiati con nuove scorte di oro ed elisir.

Purtroppo però, è proprio dagli scontri che vengono fuori i limiti del titolo Supercell: il giocatore una volta schierate le truppe passerà da assoluto protagonista a spettatore della battaglia perchè sarà la CPU a decidere la sequenza di obiettivi da attaccare in base alla loro prossimità sul campo; troppe volte capiterà di veder perire inermi i nostri eroi sotto i colpi di un cannone o di un arcere nemico senza che essi se ne preoccupino perchè saranno intenti a distruggere un’innocua capanna, obiettivo decretato automaticamente dall’IA solo perchè più vicino a quello abbattuto precedentemente. Inoltre, le truppe che sopravvivranno all’assalto verranno comunque perse ed al rientro a casa spariranno magicamente cosa che sinceramente non apprezzo…

Una volta tornati dalla vincente spedizione, ci verrà spiegato il lato gestionale del titolo e potremo assumere un nuovo muratore per velocizzare lo sviluppo del villaggio, costruire una caserma al fine di forgiare il nostro esercito per poi partire alla conquista di villaggi goblin sempre più grandi e ricchi di insidie. Se l’evoluzione e l’espansione del villaggio all’inizio risulteranno molto semplici ed immediati, ben presto ci accorgeremo di come i livelli più avanzati di sviluppo degli edifici richiedano tempi esagerati (dell’ordine delle 24 ore, velocizzabili solo tramite l’uso delle rarissime gemme) ed ingenti somme di denaro ed elisir. Sebbene tramite gli in app purchase vi sia la possibilità di acquistare (a caro prezzo…) diversi pacchetti contenenti gemme e similari, ben presto il giocatore si renderà conto di quanto sia importante ponderare bene sul come ed il dove investire le proprie preziose riserve di materie prime. I diversi edifici realizzabili variano da strutture funzionali alla prosperità del villaggio (estrattori di oro ed elisir, accampamenti militari e l’immancabile castello del Clan) fino ad efficaci soluzioni difensive per sopravvivere agli attacchi del nemico (cannoni, bombe, mortai, torri degli arcieri e mura perimetrali).

L’accortezza e le fortificazioni evolute dei villaggi altrui porteranno il giocatore a studiare un vero e proprio piano di attacco, scegliendo le migliori posizioni in cui schierare le proprie truppe e selezionando i tipi di guerrieri più indicati ad affrontare le difese nemiche; col progredire della caserma, le tipologie di eroi addestrabili aumenteranno spaziando dal guerriero al gigante, dall’arciere allo stregone fino ad arrivare a potenti draghi e creature sovrannaturali, ognuna con un suo specifico attacco devastante. Ogni vittoria online donerà dei trofei al giocatore che ne accresceranno l’importanza e la posizione in classifica mondiale. Inoltre come intuibile dal nome del gioco si potranno creare dei gruppi chiamati Clan dove si potranno inviare truppe di rinforzo ai membri del clan che potranno utilizzare sia nel attacco sia nella difesa.

Il gioco, per via della continua sincronizzazione col server, richiede una connessione ad internet per poter avviare la propria partita ed iniziare a giocare; questa condizione fa si che il giocatore possa passare senza disperdersi in intricati menù da una partita in singleplayer contro i malefici goblin all’attacco di un villaggio di un altro giocatore online. Ed è qui che il livello di sfida s’impenna ed entra in gioco il lato strategico di Clash of Clans: se la vittoria contro la CPU sarà dettata il più delle volte dalla sola imponenza del nostro esercito, non si potrà dire lo stesso nelle sessioni multiplayer del gioco.

Dal lato puramente tecnico, Supercell centra il bersaglio sfornando un titolo dalla grafica semplice, colorata e definita, complice di un’ottima pulizia visiva. Sullo schermo, nonostante i molti elementi contemporaneamente attivi, risulta sempre tutto al suo posto senza mai creare un effetto caotico agli occhi del giocatore; Clash of Clan è condito da effetti sonori semplici e di buona campionatura. si è mosso da un solido motore grafico che non balbetterà neanche nelle fasi più concitate della battaglia. Solo buono il reparto audio, condito da effetti sonori semplici e di buona campionatura.

Clash of Clans è divenuto a pieno titolo un fenomeno di massa tra i videogiochi su dispositivi mobile, tanto che ha raggiunto a Agosto 2015 500 milioni di installazioni solo su Google Play per non parlare delle altrettante installazioni su sistemi basati su iOS. Il suo successo è stato tale da spingere moltissimi giocatori a creare siti dedicati a questo videogioco, come per esempio Trucchi Clash of Clans, forse il sito più importante e ricco di informazioni su Clash of Clans in Italia.

Commenti

Sviluppa le funzionalità di WP!

Sviluppa le funzionalità di Wp grazie a questa particolare guida.

I wp plugin ti consentono di aggiungere delle funzionalità che mai avevi pensato fin’ora.

Pensavi che quei siti che macinano ogni giorno migliaia di iscritti, non usassero neanche un plugin? Ti stai sbagliando alla grande amico mio.

I plugin per wordpress ti faranno raggiungere livelli mai visti prima d’ora. Sostanzialmente sono dei pezzi di codice che si aggiungono a quelli di wordpress, rendendo l’esperienza lato utente e creatore davvero unica!

Alcuni lavorano solo nel back-end (la visualizzazione del gestore del sito internet) e altri invece nel front-end (in pratica, dove viaggia l’utente del tuo blog).

Vuoi sapere più informazione sui plugin wp? Continua a leggere bello, gli utenti vanno cercati, non vengono mica da soli 😉

Prima di tutto bisogna approfondire la discussione:

Meglio gratuiti o a pagamento?

Ci sono tonnellato di plugin per wordpress disponibili per il download gratuito dal sito WordPress.org.

E come ogni cosa digitale, esiste la versione a pagamento e quella freemium, che ti consente di provare alcune delle potenzialità che ha da offrire quella specie di piattaforma.

Il più delle volte, i plugin a pagamento sono quelli con delle funzionalità extra, che permettono di far viaggiare il tuo sito ad un certo livello!

E’ inoltre bello sapere che per ogni versione di wordpress esiste sempre una versione aggiornata del tuo plugin, e che ad ogni errore o problematica riscontrata esiste un team di supporto sempre pronto ad aiutarti.

Ma che cosa può fare un particolare plugin?

Quali sono queste fantastiche funzionalità?

Bhè, se lo puoi immaginare una cosa (o se lo hai visto su un’altro sito web), c’è un plugin. Tutto quello che devi fare è prendere il tuo bel portatile e fare una passeggiata virtuale sulla directory di ogni plugin a cui sei attratto. Vedrai come ogni plugin può fare un compito particolare, ad esempio:

– Gestire la newsletter

– Cambiare dei font al tuo tema

– Creare dei backup

– Gestire lo spam ed i commenti malevoli

– Fare effetti grafici sbalorditivi.

Che cosa aspetti? informati al meglio sui plugin.

Commenti

Clash of Clans, il gioco più scaricato sui dispositivi Mobile degli ultimi anni

Negli ultimi anni i giochi per cellulari sono diventati molto popolari perché le persone dedicano più tempo ai loro smartphone e tablet. Avere infatti un tablet o un cellulare permette di giocare a risoluzioni più alte e con una potenza di calcolo impensabile in passato. Tutto ciò porta a espandere l’esperienza che se ne ha di questi dispositivi. Attualmente si ha la possibilità di giocare a giochi di qualità e in completa mobilità, proprio come in passato veniva fatto con il Game Boy Advanced o con le altre console portatili. Giocare mentre si è in movimento è un hobby è un esperienza che molte persone oggi fanno, e che in realtà sembrano preferire rispetto alle console portatili sopracitate. Non è raro, infatti, vedere persone di ogni età giocare a videogiochi sul proprio smartphone o tablet mentre viaggiano su treni e autobus, metropolitana o semplicemente seduti sul proprio divano casalingo.

Uno dei giochi più popolari sui dispositivi mobile è Clash of Clans, un gioco incentrato su epiche battaglie tra villaggi per conquistare le risorse nemiche. E ‘difficile a tutt’oggi non conoscere questo videogioco, visto che sia sui media che in giro per le città, sono presenti continui riferimenti a Clash of Clans. Tuttavia, sebbene sia diventato più che una moda, non tutti conoscono questo videogioco. Clash of Clans è essenzialmente un gioco free-to-play il cui obiettivo e quello di migliorare costantemente il proprio villaggio al cui interno presenta diverse varietà di edifici e unità d’attacco con diverse capacità e funzioni particolari.

Si inizia sostanzialmente con poco, e dopo aver razziato i Villaggi degli altri giocatori è possibile fortificare il proprio e progredire nel gioco. Per farlo però ci vuole molto tempo, ed forse proprio questo aspetto che ha contribuito a renderlo il titolo più longevo su dispositivi mobile.

In questo gioco non ci si annoia mai, visto che ci sono sempre molte attività e compiti da svolgere, e il tempo che si impiega per portarle a termine non è molto breve. Inoltre è possibile rafforzare e ampliare gli edifici presenti nel Villaggio, così come migliorare il Municipio, l’edificio più importante della città, al fine di sbloccare nuove funzionalità e opzioni. Sempre più giocatori di ogni età si collegano ogni giorno sui server di Supercell, il geniale sviluppatore di questo titolo, divertendosi e cooperando tra loro tramite i “Clan”, una sorta di gruppo nel quale gli utenti si aiutano l’uno l’altro per un obiettivo comune.

Tuttavia molti pensano che Clash of Clans sia un gioco molto difficile e dispendioso per il tempo necessario a giocare al meglio. In realtà non è così: tale pensiero dipende forse dal disorientamento dovuto alla moltitudine di unità disponibili (Barbari, Arcieri, Goblin, Giganti, Draghi, etc…) e dei tanti edifici da costruire (Torri degli Arcieri, Mortai, Cannoni, Depositi, Mura, Miniere, etc…).

A dire il vero è proprio tale varietà a rendende Clash of Clans molto popolare e longevo. In questo gioco è possibile compiere diverse scelte e sviluppare diversi approcci, sia che si tratti di attaccare altri giocatori o semplicemente costruire il proprio villaggio: non esiste nessuna regola che dice cosa fare. E’ possibile comporre diverse combinazioni di eserciti, creare strategie d’ attacco, progettare l’aspetto del Villaggio, gestire e sviluppare il proprio Clan; insomma esistono innumerevoli attività in grado di mantenere viva l’attenzione anche dopo anni.

Tutti questi aspetti hanno spinto i giocatori di Clash of Clans a riunirsi in forum, siti e community sparsi per il web, oppure a sviluppare siti in cui vengono descritte strategie, tutorial, trucchi e suggerimenti. In Italia, il sito più famoso e più completo ispirato a questo gioco è Trucchi clash of Clans, l’unico in lingua italiana che propone decine e decine di guide e trucchi in grado di aiutare realmente i player di tale titolo.

Tuttavia se non si ha nè tempo nè voglia di migliorarsi, esiste sempre la possibilità di impiegare soldi veri per velocizzare e migliorare le proprie caratteristiche di gioco. Clash of Clans infatti prevede anche gli acquisti in-app utili per coloro che voglio movimentare l’esperienza di gioco senza dover attendere il normale flusso di eventi di questo titolo.

Per concludere, basta ricordare che molti sviluppatori di giochi mobile hanno cercato di ripresentare e copiare il modello che Clash of Clans ha realizzato, ma purtroppo senza successo. A tutt’oggi questo gioco è un titolo che rimane ancora sulla cresta dell’onda, grazie anche a aggiornamenti frequenti e un’attenzione verso la community dei player invidiabile. Chissà se questo gioco rimarrà imbattuto ancora nei prossimi anni.

Per saperlo vi basta scaricarlo e vi assicuro che rimmarete affascinati da Clash of Clan!

Commenti

Le relazioni sociali al tempo dei dispositivi mobile

Se avete un iPhone o uno smartphone Android, e non avete ancora sentito parlare di Clash of Clans, probabilmente non siete passati dai social network negli ultimi mesi… O non avete molti amici, dato che non siete ancora stati sfidati. Clash of Clans è un gioco, anzi, IL gioco del momento, basato su combattimenti strategici e cooperazione con altri giocatori. A metà strada tra una partita a Warcraft e una sessione di Simcity.

Si tratta di un giochino innocente, ma vicino anche alla guerra se, come me, siete persone competitive: n questo ambiente di gioco siete continuamente assediati da giocatori che hanno il solo scopo di rafere al suolo il vostro villaggio e saccheggiarlo delle risorse che avete laboriosamente accumulato con grandi sforzi.

Pensate che sia finita lì? Non proprio, perché l’adrenalina della sfida proviene da una lunga serie di livelli e progressioni che lasciano letteralmente incollati davanti agli schermi del proprio dispositivo mobile.

Tuttavia, come la televisione ed il computer, anche il telefonino rappresenta uno strumento tecnologico di crescente utilizzo che, come dimostrano recenti e numerosi studi, è anche un oggetto verso il quale si può sviluppare una vera e propria forma di dipendenza.
Con la crescita del numero e dei modelli di cellulari, nonché dei giochi e delle app offerte attraverso il telefonino, si assiste infatti all’incremento di casi di quella che, in alcuni paesi, è già diventata una “malattia sociale” e che è stata definita “telefonino-dipendenza”, “cellularomania” o “cellulare-addiction”. Dal telefono al telefonino: cambiamenti socio-psicologici della comunicazione telefonica.

La nascita e lo sviluppo del mercato della telefonia mobile ha avviato profonde trasformazioni sociali, attribuendo nuove funzioni psicologiche al telefonino rispetto a quelle assolte dal telefono tradizionale.
La tendenza di questo moderno e trasportabile strumento di comunicazione telefonica a diventare nel giro di poco tempo alla portata di tutti, indipendentemente dall’età o dallo status socio-economico, insieme allo sviluppo di crescenti ed innumerevoli caratteristiche tecniche, implicano delle riflessioni relative alle principali funzioni sociali e psicologiche che il telefonino attualmente assolve.

Secondo i crescenti studi condotti in tutto il mondo sull’argomento, il “keichu”, come è stato definito in Cina il fenomeno sociale della dipendenza dal cellulare, è un problema che colpisce principalmente i giovani.
L’uso quotidiano e comune del telefonino rende spesso difficile tracciare un confine diagnostico tra “comportamento normale” e “comportamento aberrante”. Per questa ragione, per l’individuazione di tale problematica è importante osservare tanto gli aspetti quantitativi quanto quelli qualitativi del rapporto con il cellulare.Il problema quantitativo potrebbe anche essere manifestato in termini di lunghe conversazioni con poche persone o ancora l’utilizzo eccessivo potrebbe essere legato all’abuso di altre funzioni presenti nel cellulare.

Inoltre, al di là della quantità di comunicazioni o del tempo passato al cellulare, si può ipotizzare una “dipendenza da telefonino” quando una persona presenta alcuni dei seguenti atteggiamenti-spia:

dedica la maggior parte del proprio tempo ad attività connesse all’utilizzo del telefonino (telefonate, giochi, consultazioni, uso di foto-videocamere, ecc.), svolte in modo esclusivo o in concomitanza con altre attività;
manifesta un atteggiamento di estrema affettività verso l’oggetto telefonico che si evidenzia principalmente con la resistenza ad allontanarsi da esso anche per poco tempo;
mostra un utilizzo del telefonino non giustificato da necessità, bensì come strumento per soddisfare bisogni di ordine affettivo-relazionale e come principale mezzo per comunicare con gli altri rispetto ad altre forme di comunicazione;
tende ad entrare in ansia o perfino in panico, o comunque a sperimentare stati emotivi spiacevoli, se il telefonino è scarico o se non funziona;
utilizza il telefonino come mezzo di protezione e di intermediazione per entrare in rapporto con altri con i quali altrimenti non si riuscirebbe a comunicare in modo diretto;
propende ad utilizzare il cellulare come strumento di controllo nelle relazioni sentimentali e affettive;
è incapace di mantenere dei momenti di assenza di contatto e di comunicazione con qualcuno;
tende a giustificare l’incapacità a staccarsi dal telefonino con l’uso di alibi (es. ragioni di sicurezza);
tende ad utilizzare il telefonino per tenere sotto controllo alcune paure o insicurezze (paura della solitudine, fobie specifiche, crisi d’ansia, ecc.);

E’ proprio il caso di dirlo, attenzione ai giochi come Clash of Clans perchè oltre al divertimento, potreste assuefarvi tanto da non voler più smettere di giocarci: qualcuno ha già creato una community, che potete trovare all’indirizzo www.trucchi-clashofclans.eu, e nel quale potete trovare utili consigli sul gioco. Non c’è però nessuna informaziona su come fare a smettere!

Commenti

Gaming mobile: è uno sfizio o una vera passione?

Il gaming mobile, inteso come il mondo dei videogiochi nato su smartphone e tablet (escludiamo le console portatili essendo nate con un singolo scopo preciso) è sempre stato oggetto di apprezzamenti, ma anche di perplessità, esternazioni che vengono rispettivamente dai giocatori occasionali e da quelli più impegnati, che considerano il videogiocare come una vera e propria passione giornaliera. L’avvento dei dispositivi portatili ha permesso ad entrambi di divertirsi anche al di fuori delle mura di casa? La risposta a questa domanda è veramente, veramente spinosa.

Inizialmente, il gaming mobile, sempre al netto delle console portatili, è stato considerato come un divertimento marginale. Pensiamo a giochini da cinque minuti come l’immortale Snake. Con l’arrivo dei primi smartphone nulla è cambiato più di tanto: il mondo dei videogiochi si concentrò principalmente su titoli dal dubbio gusto sviluppati in Java e qualcosa di più gradevole che invece restava appannaggio dei Nokia con Symbian, ma comunque l’offerta non era particolarmente profonda a tal punto da poter soddisfare i giocatori più smaliziati. Qualche titolo di corsa, qualcuno di pesca, qualche puzzle game, un tetris… insomma, i grandi classici per passare l’attesa dal dentista.

L’arrivo di iPhone e, più nello specifico, del sistema iOS, è stato un netto passo in avanti. I risultati erano apprezzabili: la grafica era qualcosa di mai visto prima su un dispositivo del genere, e l’interazione multitouch aveva aperto un portone agli sviluppatori che, grazie anche ad una solida base su cui sviluppare, si sono dilettati nel proporre prodotti non solo innovativi dal punto di vista del gameplay, ma anche dal costo di realizzazione ridottissimo: si tratta dei cosiddetti indie game che tanto stanno andando forte anche su PC e console, e che hanno dalla loro parte il bassissimo prezzo di vendita e, spesso, l’innovativa giocabilità, frutto di menti geniali che non sempre hanno ricevuto la giusta attenzione dai grandi team di sviluppo.

Su queste forti basi, insomma, abbiamo visto arrivare una moltitudine di titoli veramente magnifici e a costo irrisorio. Principalmente, però, si trattava di giochini da “partitella veloce” (pensiamo ad Angry Birds, Doodle Jump e così via), mentre aspettavamo ancora qualcosa che potesse sfruttare veramente la natura di queste piattaforme, qualcosa che avrebbe attirato anche i videogiocatori in senso stretto. Ad esempio, avventure grafiche, che avrebbero beneficiato tantissimo dell’interfaccia touchscreen, così come i giochi di ruolo a turni (vedi Final Fantasy) e i puzzle game.

Però è possibile affermare che tali giochi siano realmente arrivati? A distanza di anni dall’arrivo degli Smartphone, la maggior parte dei giochi sono dedicati alla massa di giocatori che cercano un divertimento immediato durante brevi viaggi in autobus e in treno o qualcosa del genere. Certo, sono arrivati anche titoli impegnati, ma sembra che gli sviluppatori ancora non abbiano capito come portare i videogiocatori puri sui dispositivi touchscreen. C’è chi ha provato con i titoli di guida, ottenendo qualche successo dopo molti tentativi (si veda l’apprezzabile Real Racing 3),oppure chi ha rivoluzionato i giochi gestionali e di strategia come per Clash of Clans e Boom Beach della Supercell (quest’ultimo tra l’altro ha avuto un discreto successo mondiale, tante che anche in Italia, si sono formati moltissimi siti e blog che parlano di questo gioco per Android e Iphone: si veda per esempio “Trucchi Boom Beach”) chi ha lanciato gli sparatutto, senza capire che non è possibile trarre troppe soddisfazioni da questo genere, giocando su un piccolo dispositivo che tra le altre cose è touchscreen.

Il fatto è che i dispositivi touchscreen hanno le loro limitazioni strutturali durante il gioco e dobbiamo dire che le previsioni che vogliono il sorpasso degli introiti da parte dei giochi mobile rispetto a quelle per console e PC, si basano esclusivamente sui dati di vendita di App Store e Play Store, che sono sì soddisfacenti, ma che sono alimentate esclusivamente dai giocatori occasionali e poco più. Le console di gioco, incluse quelle portatili, nascono esclusivamente per i videogiocatori, e spesso gli sviluppatori vengono sostenuti dalle stesse case produttrici, al fine di creare titoli di grande impatto che possano invogliare all’acquisto della console stessa. Su App Store, nessuno è sostenuto da nessuno, e per questo la maggior parte di titoli presenti costituiscono soltanto piccoli sfizi. Difficilmente troveremo titoli di grande calibro su piattaforme mobili.

Eppure, qualcosa si sta muovendo, nonostante tutto, riguardo i giochi più impegnati. Titoli come Real Racing 3 e Repulze hanno fatto rivalutare il mondo dei giochi di guida su smartphone. Nel frattempo, Square Enix ha prodotto Chrono Trigger e ha lavorato sulla trasposizione della serie Final Fantasy su Mobile dimostrando però scarsa attenzione sui titoli nativamente creati su piattaforma mobile. Avventure “punta e tocca”? Ci sono, anche se in quantità minore rispetto alle aspettative.

Quale sarà il futuro del gaming mobile? Di certo, con l’arrivo di sistemi portatili sempre più potenti, possiamo dire che la partita è appena iniziata.

Commenti