Trucchi Pokémon Go

Archive for Cucina

Il problema del calcare nell’acqua e come risolverlo

CONOSCI IL PROBLEMA

Il calcare è un problema tignoso per molte famiglie italiane, soprattutto in alcune zone l’acqua dura finisce per danneggiare elettrodomestici e creare problemi di pelle secca e allergie.

Il calcare dunque può essere un grosso guaio, spese per il sovente guasto di elettrodomestici come lavatrici ferri e lavastoviglie, problemi di allergie e pelle secca, capi lavati molto ruvidi, ma il problema da dove proviene? E perché è così difficile da risolvere? Come può essere così invasivo? Read the rest of this entry »

Commenti

Processo appena circa qualche cosa Quando cuocete

Grata, fetta, chop frullare e tritare con la Black & Decker FP2500B PowerPro Wide-Mouth 10-Cup Food Processor. Questo 500 Watt robot da cucina secondo gli utenti reali cibo processore recensioni è davvero grande che può elaborare qualsiasi cosa tu cuoco in cucina. Sia che si tratti di frutta e verdura o carne, il Black & Decker FP2500B PowerPro cibo processore sarà sicuramente farlo per voi facilmente e senza intoppi. La cosa fantastica di questo robot da cucina è che ha una bocca larga dello scivolo di alimentazione. La bocca larga scivolo consente di mettere in tutta la verdura, anche molto grandi, senza dover tagliare in piccoli pezzi. Lo scopo del cibo è il processore per tagliare prodotti alimentari in pezzi più piccoli, che è abbastanza evidente; tuttavia, non molto numerose le industrie di trasformazione alimentare in grado di farlo. La maggior parte dei processori in questi giorni vi richiedono di tagliare le verdure in piccoli pezzi in modo da alloggiare all’interno del processore. Che batte la finalità originale del robot da cucina. Con il Black & Decker FP2500B PowerPro, però, non dovrai mai preoccuparti di taglio in piccoli pezzi manualmente sempre di nuovo!

Il Black & Decker FP2500B cibo processore è sicuramente una grande aggiunta alla tua cucina. A differenza di altri processori che hanno solo 5 o 7 tazze di capacità nel recipiente di lavoro, questo processore è dotato di una vaschetta che può effettivamente contenere fino a 10 tazze che vale la pena di cibo.

L’acciaio inossidabile dischi e lame sono davvero grande al taglio degli alimenti nelle dimensioni desiderate e la levigatezza. Inclusa nel set sono Dischi per affettare e grattugiare la pasta la lama e il lavoro di bocce. Un’altra grande funzionalità è la sezione di controllo. Essa ha i pulsanti in Mylar che sono morbide al tatto. Per la bassa velocità e ad alta velocità e la funzione di impulso verrà sicuramente per la vostra comodità. Il Black & Decker FP2500B è noto per il suo design elegante e prestazioni e aspetto. In questo modo non solo verranno stupire i vostri ospiti, ma offrono assoluta convenienza per voi in cucina.

La prima cosa che ho trovato quando sono venuto ad Amazon per trovare le recensioni dei clienti per questo prodotto è stato presentato un reclamo. Non ero veloce da credere, così ho fatto un po’ di controllo in background per il cliente. È emerso che tutte le recensioni che il cliente ha su tutti gli altri prodotti sono stati recensioni negative, anche se io non lo sconto che i clienti parere. Ho eseguito il mio controllo. Il nero e Decker fp2500p processore è stato effettivamente un po’ rumoroso, ma non era molto forte. Non è stato un costoso apparecchio di cottura, in modo che per il suo prezzo, mi sarei aspettata così tanto. La cosa grandiosa è che per il suo prezzo, che offre un sacco di vantaggi e comodità per l’utente.

Commenti

Uova alla piemontese riadattate da Corso Matteotti 190 Montecatini Terme

Corso Matteotti 190 Montecatini Terme vi conduce oggi alla scoperta della poliedrica cucina piemontese. La regione del nord Italia con capoluogo Torino evoca piatti caldi e robusti, dal sapore deciso un po’ come tutte le cucine del nordiche. I piatti tipici sono contraddistinti dall’amore per le lunghe cotture: carni cotte nel vino, bolliti, fritti misti e risotti. Read the rest of this entry »

Commenti

Riso zucchine e tartufo dalla cucina regionale umbra

Oggi da Corso Matteotti 190 Montecatini Terme ci spostiamo in Umbria, per scoprire cucina tipica di questa incantevole regione immersa nel verde. La caratteristica principale della cucina umbra è la semplicità in tavola: la base dei piatti tipici sono i prodotti stagionali della terra come i funghi e gli asparagi, oltre a legumi e cereali che arricchiscono la preparazione delle carni.

Il protagonista indiscusso dei piatti umbri e prodotto esportato e rinomato in tutto il mondo è senza dubbio sua maestà il tartufo di Norcia. Il tartufo nero pregiato si raccoglie appunto nell’area collinare e montana adiacente alla città di Norcia.

Preparare un primo piatto invitante a base di tartufo non è difficile con noi di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme. Per continuare il nostro viaggio nella cucina regionale oggi vi proponiamo il Riso tartufo e zucchine, una ricetta sfiziosa e semplice da realizzare. Vediamo come fare:

Ingredienti

  • 160 grammi di riso ideale per risotti
  • 1 noce di burro
  • 1 cucchiaio d’olio extra vergine d’oliva
  • tartufo grattugiato, quantitativo a piacere
  • grana, a piacere
  • 3 zucchine lavate e tagliate a tocchetti piccoli
  • 1 cipolla tagliata a fettine sottili
  • brodo vegetale
  • peperoncino
  • mezzo bicchiere di vino bianco secco

Preparazione

Iniziate facendo appassire la cipolla tagliata in una casseruola antiaderente. Quando sarà cotta unite il riso crudo e fate tostare a fuoco lento. Aggiungete il vino e fate insaporire fino ad evaporazione. A questo punto aggiungete le zucchine ricordandovi di mescolando frequentemente. Iniziate adesso la cottura del riso allungando con brodo vegetale un po’ alla volta. Quando il riso sarà a metà cottura grattate il tartufo di Norcia e unite un pizzico di peperoncino. Finite la cottura del risotto continuando ad aggiungere brodo vegetale appena si asciuga, fino a quando il riso non risulterà cotto. Spolverate con grana a piacere e servite caldo.

Il profumo di tartufo ha invaso ogni angolo di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme, scommettiamo che si diffonderà anche nella vostra via appena lo cucinerete: provare per credere!

 

Commenti

La regione Lazio e i carciofi alla giudia

Corso Matteotti 190 Montecatini Terme parte alla scopeta della cucina regionale. Prima tappa: carciofi alla giudia.

Read the rest of this entry »

Commenti

Coxinha Brasiliane da Corso Matteotti 190 Montecatini

Oggi da Corso Matteotti 190 Montecatini vi proponiamo la ricetta delle Coxinhas Brasiliane.

La coxinha è un antipasto tipico brasiliano simile ai nostri arancini siciliani. Il termine coxinha in portoghese significa piccola coscia di pollo e rimanda alla caratteristica forma di questo “arancino”.

Da Corso Matteotti 190 Montecatini condividiamo con voi la ricetta.

 

INGREDIENTI per il ripieno:

  • 300gr di petto di pollo
  • 1carota,un pezzo di sedano, e un po’ di prezzemolo tritato
  • 2cucchiai di passata di pomodoro
  • 2cucchiai di olio
  • sale
  • pepe
  • aglio
  • alloro

INGREDIENTI per l’impasto:

  • 400ml di brodo di pollo
  • 125ml di latte
  • 50gr di burro
  • 250gr di farina 00
  • 1uovo (tuorlo)

INGREDIENTI per la pastella:

  • 50gr di farina 00
  • 75ml di latte

 

PREPARAZIONE:

FASE 1:Preparazione del ripieno. Per preparare le coxinhas tagliate a bocconcini il petto di pollo, poi  ponete il pollo,le  verdure (carota,cipolla e sedano), l’alloro e  l’aglio in un tegame alto, aggiungete il sale e ricoprite d’acqua. Quando il pollo sarà bollito, scolatelo e conservate il brodo. Tritate i pezzi di pollo bollito, nel frattempo in una padella mettere a soffriggere uno spicchio d’aglio in due cucchiai di olio e fate appassire mezza cipolla tritata, poi aggiungete la salsa di pomodoro, fate cuocere qualche minuto e aggiungete il pollo tritato,sale, pepe e prezzemolo.

FASE 2: Preparazione dell’impasto. Fate sciogliere il burro in un tegame, aggiungete il brodo di pollo e il latte e portate tutto ad ebollizione. Aggiungete la farina e mescolate con una frusta mentre il tutto continua a cuocere a fuoco basso fino a quando la farina non avrà assorbito i liquidi e l’impasto si staccherà dalla pentola e risulterà ben compatto. Lasciate intiepidire e amalgamate infine il tuorlo all’impasto.

FASE 3: dare forma alle coxinhas. Prendete una porzione d’impasto (circa50gr), schiacciatela sul palmo della mano e  aggiungete un cucchiaino di ripieno (come si fa per la  preparazione degli arancini siciliani).  Chiudete la pallina avvolgendo il ripieno con l’impasto e date la forma di una coscetta (a volte può risultare difficile dare la forma all’impasto, potete sempre fare delle palline invece di coscette)

FASE 4: Friggere. Preparate una pastella con il latte e la farina setacciata e ponete il pangrattato in una ciotola ampia. Impanate ciascuna coxinha prima nella pastella e poi nel pangrattato e friggetele per qualche minuto.

 

Da Corso Matteotti 190 Montecatini vi suggeriamo di servirle quando sono ancora calde, saranno ottime!

 

Commenti

Alimenti biologici, (eco)logicamente buoni

Dall’inizio degli anni ‘90, in netto contrasto con l’agricoltura convenzionale moderna che considera sempre più piante e animali come cose e macchine, si è fatta spazio a livello mondiale l’agricoltura biologica. La sua produzione è incentrata sull’utilizzo di metodi che preservano le risorse naturali come il terreno, l’acqua e l’aria. Gli agricoltori biologici infatti si avvalgono di concimi organici, ricorrendo a tecniche di coltivazione della civiltà contadina, così da non sfruttare in modo intensivo le risorse. Massima attenzione è riservata anche ai sistemi di allevamento: gli animali non assumono antibiotici e ormoni per stimolare artificialmente la crescita o la produzione di latte, ma vengono nutriti solo con erba e foraggio biologico e sono liberi di pascolare.

Gli alimenti biologici rappresentano la scelta migliore per proteggere il nostro benessere e il pianeta. Essendo privi di pesticidi e concimi di derivazione chimica, il loro consumo limita il rischio di contrarre malattie tumorali, del sistema nervoso e dell’invecchiamento generale dell’organismo. Preferire prodotti agro-alimentari bio permette inoltre una crescita sempre maggiore del mercato e della produzione biologica che, attraverso il rispetto delle risorse della terra, assicura un futuro più sostenibile alle prossime generazioni.

L’e-commerce www.foodbrosshop.com propone un ampio catalogo di alimenti biologici certificati delle Marche, dove il settore ha avuto negli ultimi anni un trend di crescita positivo. La regione Marche, essendo un territorio prevalentemente rurale, ha sviluppato un’alta sensibilità verso la questione ecologica e la sicurezza alimentare, maturando la convinzione che produrre bio significa salvaguardare la salubrità degli alimenti e rispettare gli animali. Il biologico marchigiano è cresciuto nel tempo costruendo storia e tradizione di importanza primaria per tutto il territorio nazionale. FoodBros sostiene tali principi selezionando i prodotti delle migliori aziende locali.

BIO: I VANTAGGI PER LA TERRA E PER GLI ANIMALI

Gestione del suolo. Eliminando sostanze inquinanti e aumentando la fertilità del suolo le tecniche di produzione biologica consentono di eliminare fenomeni di erosione e desertificazione.

Fertilità del suolo. Il terreno viene considerato come un vero e proprio organismo vivente. Infatti al contrario dell’agricoltura convenzionale che utilizza concimi chimici solubili per nutrire direttamente le piante, la fertilizzazione biologica rende vitale il terreno attraverso letami e liquami per aumentare la sostanza organica già presente.

Difesa delle piante. Le aziende biologiche tutelano la biodiversità creando le condizioni favorevoli per lo sviluppo naturale degli antagonisti dei parassiti e per la crescita sana delle piante. La monocoltura è vietata in favore di un incremento della diversità di piante presenti nell’ecosistema agricolo.

Gestione delle erbe infestanti. Non avviene mediante l’utilizzo di prodotti chimici ma attraverso la rotazione naturale della terra che evita la proliferazione della flora infestante mantenendo l’originale vitalità del terreno.

Stabulazione degli animali. Negli allevamenti biologici è vietata la stabulazione fissa degli animali in favore di condizioni che rispondono alle naturali esigenze comportamentali della specie.

Alimentazione. La dieta è bilanciata secondo i fabbisogni degli animali e utilizzando alimenti 100% di agricoltura biologica o origine aziendale.

Cure veterinarie. L’insorgere delle malattie è prevenuto mediante la scelta mirata delle razze allevate e permettendo la naturale resistenza degli animali attraverso l’alimentazione e un corretto sistema di allevamento.

L’agricoltura biologica tutela l’intero ecosistema, dalla terra alla tavola.

Scoprite gli alimenti biologici della tradizione culinaria marchigiana selezionati su www.foodbrosshop.com e ordinate in maniera rapida e sicura, approfittando della spedizione gratuita in tutta Italia.

Commenti

Capsule o cialde?

La tecnologia oggi si è imposta anche in cucina con frigoriferi e forni ventilati  hi-tech e di ultima generazione ma anche per quello che riguarda le macchinette da caffè.

infatti da delle analisi sembra che il trend degli ultimi anni sia acquistare la macchina da caffè e fare il caffè con cialde e capsule anche perchè il prezzo delle cialde caffè e delle capsule è spesso conveniente se prese in grande quantità.Tuttavia non tutti conoscono cosa siano le diverse caratteristiche delle due soluzioni e, spesso,  se i è nella possibilità di scegliere, si cerca di affidarsi a quello che dicono  conoscenti o il venditore della stessa macchina da caffè.

Quello che bisogna sapere invece è che la capsula e la cialda sono entrambe   ricariche monodose per le macchine da caffè, il cui contenuto va  dai 5 a 8 grammi, e si diffrenziano tra loro solo per forma e materiale di cui sono fatte . I vantaggi di avere una macchina per il caffè significa possedere quasi un piccolo bar domestico e fare un caffè espresso di qualità dove le dosi di capsule e  cialde sono perfettamente confezionate, e il cui aroma conserva   tutte le  sfumature  dei chicchi di caffè e non si deve usare la caffettiera.

Ma cosa  scegliere tra  capsula e cialda?  La capsula è un   involucro di plastica, o di alluminio, con una dose di  6-8 gr. di polvere di caffè, e serve per fare una tazzina di caffè espresso  in una macchina compatibile con essa infatti per utilizzare la capsula  ci si deve si affidare a una attrezzatura e un prodotto  di un’unica marca, è  infatti impossibile cambiare marca o provare delle soluzioni diverse.
Questa ha molto successo tra  gli amanti del caffè poichè  la capsula che viene tarata  per uno specifico modello di macchina per il caffè si presume faccia una caffè all’altezza della situazione.

La cialda invece è una bustina di carta da filtro, molto simile a quella del te e ha un impatto ambientale ottimo rispetto alla capsula poichè è completamente biodegradabile e  contiene ca 7 gr. di caffè macinato, corripondente allo standard di mercato. La cialda però diversamente dalla capsula si adatta a tanti modelli di macchine da caffè e non solo a una marca specifica, il prezzo di cialde caffè è conveniente e quindi  il consumatore potrà scegliere le cialde a suo piacimento  e decidere di cambiare marca quando vuole per un caffè espresso di qualità.

Per questo c’è un dibattito tra i sostenitori della capsula e quelli della cialda, ovviamente si può anche fare un buon caffè espresso di qualità col macinato in chicchi  o quello in polvere anche in molte macchine per il caffè cosìcchè tutti possano creare il loro caffè ideale da gustare.

Commenti

Via Borra 29 Livorno – eNel Mondo: Pancake alla zucca

I pancakes appartengono alla tradizione Americana: sono preparati per la prima colazione e per il brunch.
In pratica sono delle specie di crêpe piuttosto spesse e grandi (circa 12-20 cm). La particolarità sta nell’aggiunta del lievito, che li rende soffici e spumosi.
Puoi decorare i pancake come preferisci. Noi da via Borra 29 Livorno ti consigliamo noci tostate e tritate e sciroppo d’acero.

Gli Ingredienti

  • 250g di farina 00
  • 2 cucchiaini di lievito per dolci
  • mezzo cucchiaino di sale
  • 300g di purea di zucca (trovate la ricetta qui sotto)
  • 50 g di zucchero integrale
  • 1 uovo
  • 45 g di burro fuso
  • 360ml di latte intero
  • 100 g di noci, tostati e tritati
  • Sciroppo d’acero, per servire

 

PREPARAZIONE

Setaccia la farina mescolandola, in una ciotola alta, con lo zucchero, il sale e il lievito.
In un’altra ciotola, mescola l’uovo, il latte e il burro e aggiungici la purea di zucca precedentemente preparata. Poi unisci a poco a poco il composto liquido nella ciotola con la farina, girando con una frusta a mano. Questo è un lavoro importante per evitare la formazione dei grumi. Amalgamali finché la pastella sarà densa.
Scalda pochissimo olio in una padella antiaderente su fuoco medio. Quando la piastra è calda, abbassa la fiamma e versa un mestolo di composto al centro della padella: il liquido si allarga da solo.
Fai cuocere il pancake per circa 2-3 minuti fino a quando il fondo risulta dorato. Giralo con una paletta e cuocilo dall’altro lato. Il segreto per capire la giusta cottura è la formazione di piccole bollicine sulla superficie.

Impiatta i pancakes servendoli con il tradizionale sciroppo d’acero e con le noci tostate e tritate.

Porta la cucina americana di Via Borra Livorno 29 eNel Mondo a casa tua!

Commenti

Chiara Caporizzi: la passione attraverso la cucina.

Chiara Caporizzi vive a Roma ed è una giovane donna che coglie l’essenza di quella che in un’altra epoca ormai, era la virtù più considerata delle donne: saper cucinare.

Chiara Caporizzi

CHIARA CAPORIZZI AGGIORNA IL SUO RICETTARIO

Molte e in continuo aggiornamento sono le possibilità che la Caporizzi Chiara suggerisce per “un tocco di raffinatezza” alle cene importanti. Il dolce, una portata notevole che chiude la cena lasciando il più vivo ricordo ai commensali. Di stile indiscusso, quasi un dispiacere assaggiare le sue torte. Attualmente qualche suggerimento più a portata di casalinga, che tra le varie vicissitudini quotidiane, conserva sempre e comunque l’entusiasmo d’essere intitolata come una buona padrona di casa. Si diventa un po’ artisti quando le proprie creazioni sono così esteticamente appaganti, si dovrebbe esporle e conservarle ma ciò che rimane più in mente è la soddisfazione di chi le ha potute assaggiare.

LA PASSIONE IN CUCINA INGREDIENTE SEGRETO DI CAPORIZZI CHIARA

Chiara Caporizzi - Google Plus

Non si può certo dire che il gusto non sia il senso che avvia il percorso più istintivo nei ricordi. Si guarda un piatto, si avverte l’aroma e col gusto si classifica l’esperienza che quella portata ci ha dato. Chiara Caporizzi sa bene, come ci illustra nel suo profilo di google plus, che i suoi desserts rimangono nel cassetto dei ricordi del sapore. La passione che ci si mette è poi l’ingrediente segreto.
E’ questo l’impegno e la scelta che un cake designer come Chiara Caporizzi deve saper fare. Deve decidere cosa vuole comunicare, sapori intesi e forti con un bagno di Brandy, più speziati con cannella e noce moscata, dolci e soffici classici panna e cioccolato. È una scelta importante tanto quanto quella di un manager che stabilisce quando e cosa fare per raggiungere il risultato stabilito. Aroma e gusto binomio perfetto.

CHIARA CAPORIZZI – IL GUSTO DELLE BUONE TORTE

profilo Chiara Caporizzi cake designer

Chiara Caporizzi si impegna a comprendere qual è l’itinerario del gusto, che forma possiede e da cosa scaturisce. Le sue torte sono piccole opere d’arte. Immagi e sapori. Le idee di Chiara Caporizzi esposte nel suo profilo google plus, sono molto delicate e indubbiamente precise. La cura dei dettagli è l’elemento caratterizzante, niente è lasciato al caso. È il medico dell’appetito, sa quale è la ricetta giusta per curarlo. Visitando la sua pagina è semplice intuire la fantasia e la dedizione con la quale si dedica a questa passione.

Visitate la bacheca del profilo google plus di Chiara Caporizzi per visionare idee e immagini da realizzare.

Commenti