Trucchi Pokémon Go

Archive for Enogastronomia

Ricette di stagione: zuppa di broccoletti e spinaci

Dopo la quiete il riposo “forzato” dei mesi invernali, con l’approssimarsi della bella stagione è bene tirare qualche somma sulla dieta tenuta durante le feste, quanti chili abbiamo accumulato? Quanti dolci abbiamo mangiato? Forse è il momento di qualche piatto più salutare. Read the rest of this entry »

Commenti

Un aperitivo stuzzicante su Corso Matteotti 190 Montecatini Terme

Corso Matteotti 190 Montecatini Terme vi consiglia oggi una ricetta facile e veloce, un finger food adatto ad ogni occasione e ad ogni palato. Oggi cuciniamo i bocconcini di patate, formaggio e pancetta.

Gli ingredienti sono pochissimi e semplici da reperire: potete usare sia le patate già bollite sottovuoto che quelle fresche da pelare e sbollentare. Prediligete in ogni caso le patate novelle, piccole e dolci. Il formaggio da utilizzare è l’Emmentaler.

Ingredienti:

Patate novelle (1 per ogni bocconcino)

Fettine di pancetta affumicata (2 per ogni bocconcino)

Fettine di Emmentaler (5 gr circa ogni bocconcino)

Olio d’oliva q.b.

 

Preparazione

Prima di bollire le patate novelle sbucciatele, in modo che la cottura sia più veloce. Mentre le patate sono in cottura predisponete le fettine di formaggio e di pancetta. Una volta che le patate saranno cotte scolatele e fatele raffreddare. Poi arrotolate una fetta di formaggi attorno alla patata novella e fate lo stesso con la fetta di pancetta. Il meccanismo è quello di tener fermo il formaggio per non farlo sciogliere troppo in cottura. Disponete quindi un’altra fettina di pancetta lungo l’altro lato e chiudete agevolmente con uno stecchino.

Oleate una teglia e disponetevi i bocconcini ad una giusta distanza. Cuocete in formo a 180 gradi per circa 20 minuti. Controllate comunque frequentemente la cottura.

Un aperitivo stuzzicante adatto per qualunque occasione grazie alle ricette di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme.

Commenti

Corso Matteotti 190 Montecatini Terme: ricetta delle triglie alla livornese

Oggi noi di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme vogliamo rendere omaggio alla nostra terra, la soleggiata Toscana. Il prodotto più conosciuto è sicuramente il vino, che sia delle zone del Chianti o di Montalcino. Ma la Toscana non è solo vite, è anche mare e bellissime spiagge.  Oggi vogliamo portare in tavola un po’ di brezza marina, con la ricetta delle triglie alla livornese. Prepararle è facile e veloce. Scoprite la ricetta di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme.

Ingredienti
1 kg di triglie 
450 gr di pomodori pelati
1 spicchio di aglio
50 g di olio extravergine
prezzemolo, sale, pepe q.b. 

Preparazione:

Iniziate con il pulire il pesce: squamate le triglie con il dorso del coltello, tagliate le pinne laterali e quella superiore. Incidete il ventre del pesce fino alla testa e sciacquate sotto acqua corrente per eliminare le viscere interne. Dopo aver pulito tutte le triglie si può cominciare a preparare il condimento. Versate l’olio in un tegame, aggiungete quindi l’aglio schiacciato e il prezzemolo tritato. Non appena il soffritto sarà appassito aggiungete anche i pelati. Lasciate cuocere il sughetto per qualche minuto dopo aver salato e pepato. A questo punto potete unire le triglie, lasciandole cuocere senza sovrapporle tra loro e mantenendole sempre umide. La cottura deve essere portata avanti coprando il tegame con un coperchio, per circa 10-15 minuti.

A questo punto con la ricetta di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme non vi resta che servire le triglie alla livornese. Buon appetito!

 

Commenti

Ricetta dell’osso buco con piselli di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme

Oggi su Corso Matteotti 190 Montecatini Terme ci dedichiamo a rivisitare un piatto originario della cucina milanese. La base di questo piatto è l’ossobuco, che al solo pensarci fa venire in mente il risotto giallo, due alimenti che di solito sono sempre di coppia nella cucina lombarda.

La proposta di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme è invece l’ossobuco con piselli. Vediamo gli ingredienti per preparare questo piatto veramente succulento:

  • 4 ossi buchi di carne bovina per un totale di circa 1.4kg
  • 160 gr di piselli surgelati
  • 60 g di vino bianco
  • 50 gr di burro
  • 60 gr di cipolle
  • 60 gr di sadano
  • 60 gr di carote
  • 40 gr di olio extravergine d’oliva
  • 250 gr di brodo
  • Farina q.b.
  • Sale e pepe q.b.

 

Preparazione:

Iniziate preparando il brodo di carne: lavate e pelate le verdure (sedano, carota, cipolla) e ponetele in un tegame capiente dal bordo alto. Aggiungete olio, sale, grani di pepe e chiodi di garofano. Aggiungete la carne e ricoprite il tutto con circa 3 litri di acqua. Lasciate cuocere per circa due ore fino a che il brodo non si sarà ridotto di circa la metà. A fine cottura filtrate il brodo con un colino.

Per fare il soffritto di base tagliate finemente il resto delle verdure (carota, sedano e cipolla) e mettete il trito a soffriggere in un’ampia padella con olio d’oliva e burro fuso. Una volta che la cipolla sarà appassita prendete gli ossibuchi e incidete la membrana che li circonda con le forbici. Questo trucco di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme eviterà che la carne si arricci durante la cottura.

Infarinate gli ossibuchi da entrambi i lati e adagiateli nella padella del soffritto. Fateli rosolare da entrambi i lati e nel frattempo sfumateli frequentemente con vino bianco. Salate, pepate e fate continuare la cottura con il brodo che avete preparato precedentemente. Coprite con il coperchio e continuate la cottura a fuoco dolce per circa 2 ore. A cottura quasi compiuta aggiungete anche i piselli surgelati.

Et voilà, l’osso buco con piselli di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme è pronto!

Commenti

Corso Matteotti 190 Montecatini Terme presenta le polpette di baccalà

Corso Matteotti 190 Montecatini Terme vi propone oggi una ricetta molto semplice e di grande effetto a base di pesce. Il pesce che utilizziamo oggi è il merluzzo e la ricetta è quella delle polpette di baccalà.

Questo secondo piatto è saporito e genuino e riesce contemporaneamente a mantenere i gusti originari del merluzzo sotto sale. Vediamo con noi di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme la ricetta completa delle polpette di baccalà.

Ingredienti per 25 polpette:

750 gr di merluzzo baccalà

1 spicchio di aglio tritato

100 gr di pane mollica

80 gr di parmigiano reggiano

prezzemolo tritato

qualche rametto di timo

3 uova

sale, pepe, pangrattato, farina q.b.

olio di semi

 

Preparazione:

Per prima cosa dovete dissalare il baccalà sciacquandolo bene sotto l’acqua e mettendolo a bagno per ben due giorni in acqua fredda, in modo da fargli perdere anche i residui di sale. L’acqua deve essere cambiata almeno due volte al giorno. Quando saranno trascorsi due giorni asciugate il baccalà e poi tagliatelo a pezzetti, dopo aver eliminato tutte le lische frullatelo nel mixer.

Frullate con il mixer la mollica di pane e unitela al baccalà in una capiente ciotola. Unite il prezzemolo, il timo, l’aglio e il parmigiano grattato e aggiustate di pepe e sale. Mescolate e amalgamate bene il tutto in modo da ottenere un composto che si acompatto. a Questo punto con le mani elaborate delle piccole palline di impasto e ponetele su un vassoio.

Predisponete tre ciotole: una per la farina, una per il pangrattato e per l’uovo sbattuto. Passate le palline in ordine prima nella farina, poi nell’uovo e infine nel pan grattato. Predisponete una casseruola dai bordi alti e fatevi bollire dell’olio di semi. Quando sarà caldo friggete le polpette e poi scolatele con l’aiuto di una schiumarola. Prima di servirle posatele sulla carta assorbente.

Buon appetitto con Corso Matteotti 190 Montecatini Terme.

Commenti

Su Corso Matteotti 190 Montecatini Terme arriva l’Irish Stew

Oggi noi di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme ci cimentiamo in una ricetta tradizionale della bella terra d’Irlanda. In onore della festa di San Patrizio, che si celebrerà il 17 marzo, oggi prepariamo l’Irish Stew, il prelibato stufato d’agnello tradizionale.

La ricetta, testata più di una volta da noi di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme, non è difficile nell’esecuzione, ma richiede molto tempo, quello che la carne ha bisogno di passare nel brodo per diventare tenera. In onore della festa di San Patrizio vi consigliamo vivemente di accompagnare questo succulento piatto con una pinta di Guinness.

Vediamo come preparare questo gustoso piatto con la ricetta di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme.

Ingredienti
2 kg di carne di agnello (preferibilmente spalla) 
150 gr di carote 
150 gr di cipolle bianche 
20 gr di farina 00 
30 gr di olio extravergine 
1 rametto di prezzemolo
600 gr di patate
sale e pepe q.b.
qualche folgia di alloro
chiodi di garofano
sale gorsso
5 gr di bacche di ginepro
pepe nero in grani

Preparazione

Iniziate separando la polpa dell’agnello dalle ossa: con la carne farete i bocconcini dello stufato, con le seconde preparerete il brodo. Riempite una pentola d’acqua e aggiungete una cipolla intera a cui fissate l’alloro con i chiodi di garofano a mò di puntine, la carota, i grani di pepe nero e le bacche di ginepro. Unite le ossa dell’agnello, il sale grosso e mettete a bollire per circa 1 ora, schiumando di tanto in tanto con un mestolo forato per eliminare il grasso in eccesso.

A questo punto potete procedere con la preparazione dell’Irish Stew: iniziate pelando le carote e le patate, poi tagliate in maniera sottile una cipolla. Tagliate a cubetti le carote e le patate e della stessa dimensione tagliate anche la polpa d’agnello. La carne deve essere prima infarinata e poi messa in un’ampio tegame con un fondo di olio d’oliova. Dopo 5 minuti si possono aggiungere anche il resto degli ingredienti escluse le patate. Irrorate ora con il brodo che avete preparato precedentemente, fino a ricoprire completamente la carne. Chiudete il coperchio e cuocete a fuoco moderato per circa 1 ora. Dopo questo tempo potete aggiungere le patate, dopo di che cuocete per altri 50 minuti.

A cottura terminata aggiungete un pò di prezzemolo fresco tagliato e servite ben caldo. Noi di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme vi garantiamo che il profumo di Irish Stew si spargerà nell’aria invogliandovi a mangiarlo insieme agli amici.

Commenti

Corso Matteotti 190 Montecatini Terme: alici e semplicità

Voglia di semplicità oggi su Corso Matteotti 190 Montecatini Terme. Volete stupire i vostri ospiti con un secondo fresco e sfizioso che non vi costi una fortuna e non vi porti via ore per la preparazione?

Qui in Corso Matteotti 190 Montecatini Terme siete nel posto giusto, abbiamo la ricetta che fa per voi. Oggi cuciniamo le alici alla pizzaiola.

Il pesce azzurro è come noto uno dei cibi più salutari perchè contiene Omega 3: oltre che al vostro tempo e al vostro portafoglio farete un favore anche alla vostra salute. Vediamo nel dettaglio come preparare le alici alla pizzaiola.

Ingredienti per una teglia da 26×17 cm

  • 500 gr di acciughe fresche
  • 1 gr di sale
  • 6 gr di aglio
  • 50 gr di olio  extravergine d’oliva
  • 200 gr di pomodori ciliegrini
  • pepe e origano q.b.

 

Preparazione

La prima cosa da fare è pulire le alici: vediamo con noi di Corso Matteotti 9 Montecatini Terme come fare. Cominciate eliminando la testa, poi la lisca centrale. Aprite le alici a libro e sciacquatele sotto l’acqua per pulire ulteriori residui.

Lavate e affettate i pomodorini in quattro parti, poi metteteli da parte e cominciate a comporre la teglia. Ungete la teglia e sistemate i filetti di alici lungo la lunghezza, completando con uno strato di pomodorini. Aggiungete origano, sale, pepe e aglio spremuto. Continuate con gli strati così composti fino a che la teglia non sarà abbastanza piena. Cuocete in tutto in forno preriscaldato a 220° per 20 minuti. Lasciate riposare e servite.

Adesso noi di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme vi lasciamo godere di questa prelibatezza. Fateci sapere se ai vostri ospiti è piaciuta!

 

Commenti

Corso Matteotti 190 Montecatini Terme e la vera ricetta del pesto

Corso Matteotti 190 Montecatini Terme si trasferisce oggi nella meravigliosa Riviera Ligure. E cosa vi viene in mente quando pensate alla Liguria, Sanremo a parte? Ovviamente l’ambasciatore ligure nel mondo non può che essere sua maestà il pesto alla genovese, che ricrea i profumi e i colori della regione.

Read the rest of this entry »

Commenti

Oggi su Corso Matteotti 190 Montecatini Terme prepariamo i canederli

Corso Matteotti 190 Montecatini Terme approda oggi in Trentino Alto Adige per scoprirne la cucina tradizionale. La regione a statuto speciale, dalla cultura e la lingua germanofona, è famosa per essere una enorme coltivazione di mele, che infatti si ritrovano in cucina anche nei primi piatti e nei contorni oltre che nel ripieno del famosissimo strudel.

La cucina montana la fa da padrona con polente, stracotti, wurstell, speck e crauti. Si tratta in generale di una cucina condita e saporita che aveva il compito di sostenere nei rigidi inverni alpini. La ricetta che oggi esploriamo su Corso Matteotti 190 Montecatini Terme è forse quella più famosa tra quelle trentine. Si tratta dei canederli, o Knödel detto alla Trentina, piatto tipico della gastronomia Tirolese, fatti nella doppia versione asciutti o in brodo. La ricetta ha una derivazione contadina dovuta al reciclo degli avanzi di pane diventato raffermo, insaporiti con i prodotti dell’allevamento tradizionale come speck e formaggio appunto.
Vediamo insieme a noi di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme come preparare dei deliziosi canederli.

Ingredienti:

  • 200 gr di pane raffermo
  • 2 litri di brodo
  • 30 gr di burro
  • 2 uova
  • 40 gr di farina
  • Pepe e noce moscata
  • 1 cipolla
  • 150 ml di latte
  • 100 gr di speck
  • Prezzemolo e erba cipollina q.b.

Preparazione

Iniziate mettendo il pane raffermo tagliato a dadini in una scodella, aggiungete le uova sbattute, il latte e sale e pepe. Mescolate e amalgamate bene, coprite e lasciate riposare per circa due ore. Durante questo periodo ogni tanto mescolate il pane, in modo che l’impasto assorba il latte in modo omogeneo: il composto deve diventare umido e morbido ma senza spappolarsi. Tagliate finemente lo speck e la cipolla e fateli soffriggere in olio e burro. Incorporate il composto di pane al soffritto e aggiungete anche erba cipollina, prezzemolo e noce moscata. Cospargete di farine e coprite per mezz’ora, in modo che gli ingredienti diano sapore al pane. Impastate a questo punto i canederli, facendo delle palline di diametro di circa 8-10 centimetri e passatele nella farina bianca per non farli appiccicare. Per la cottura riscaldate il brodo di carne e fateci bollire i canederli per circa 15 minuti. Una volta cotti potete servirli direttamente nel brodo oppure asciutti con l’aggiunta di brodo fuso e salvia.

Che ricetta appetitosa oggi su Corso Matteotti 190 Montecatini Terme, vedrete che avrà successo in tavola!

Commenti

Risotto allo zafferano su Corso Matteotti 190 Montecatini Terme

Oggi Corso Matteotti 190 Montecatini Terme in vista del pranzo vi porta alla scoperta della cucina lombarda. Quella della regione con capoluogo Milano è una gastronomia altamente differenziata tra provincia e provincia, grazie anche alla storia differente vissuta dai vari territori. Un denominatore comune lo si trova nei piatti derivanti dai prodotti tipici locali come pesce d’acqua dolce, latticini, carne bovina, riso e mais.

Anche l’ingrediente principale che va a comporre il piatto che vi presentiamo oggi è uno di quelli tradizionali, che si narra sia stato introdotto nella cucina milanese nel 1500. Oggi su Corso Matteotti 190 Montecatini Terme prepariamo il risotto allo zafferano.

Una prima raccomandazione doverosa prima di iniziare: il risòtt giald – come viene chiamato dai milanesi il risotto allo zafferano – si differenzia dal risotto alla milanese che presenta delle piccole ma sostanziali differenze.

Ingredienti per 4 persone

  • 125 g di burro
  • 1 litro di brodo
  • 1 cipolla
  • 150 gr di grana padano grattugiato
  • 1 pizzico di pistilli di zafferano
  • 1 bustina di zafferano
  • 350 gr di riso arborio
  • 200 ml di vino bianco

 Preparazione

Fate sciogliere 80 gr di burro a fuoco lento e non appena sarà caldo aggiungete la cipolla che avrete precedentemente tritato. Unite il riso e fatelo tostare facendogli assorbire bene il burro. Alzate il fuoco e cominciate a bagnare il riso prima con il vino e poi con due mestoli di brodo bollente. Portate ad evaporazione prima il vino e poi il brodo, continuando sempre a mescolare frequentemente con un cucchiaio di legno. Prima che il riso si sia del tutto asciugato aggiungete altri due mestoli di brodo e ripetete l’operazione fin quando il riso non sarà completamente cotto.

A parte sciogliete lo zafferano della bustina in poco brodo e versatelo nel riso durante gli ultimi 5 minuti di cottura. Una volta che il riso avrà raggiunto la cottura desiderata toglietelo dal fuoco e mantecatelo con il grana grattugiato e con il resto del burro.  Prima di servirlo spargete i pistilli di zafferano sul risotto per decorare la presentazione del piatto.

Buon appetito da Corso Matteotti 190 Montecatini Terme.

Commenti