Trucchi Pokémon Go

Archive for marzo, 2014

Francesca Colognori Cantante

Quando si vive un’infanzia così colorata, così intensamente vissuta, dove anche i sapori di una mattinata scolastica o di un portacenere in un bar, o ancora di gocce di pioggia, che passano nel dimenticatoio di milioni di persone… vuol dire che ci si trova di fronte a una personalità di spiccata sensibilità e di profondo senso poetico, che sa apprezzare i sapori del “niente” per gli altri, ma del “tutto” per il proprio intimo.

Camminare per andare a scuola, osservare tra i vetri le persone che parlano, respirandone quasi gli stati d’animo che vibrano dietro un mozzicone acceso… Osservare le tegole bagnate, che grondano delle gocce in una triste giornata di pioggia intensa… sono caratteristiche forti dei testi delle canzoni di Francesca Colognori. E molto di più…

Tetti bagnati e fumo acceso,
nel grigio di nuvole e freddo;
sigarette spente nelle ore notturne,
il sapore in bocca, ancora un caffè…

È freddo, mattina d’inverno,
mentre passo veloce davanti al negozio di pane;
l’odore ricorda quelle giornate di scuola,
confondersi dentro, sbiadite nel vento…

Oh Elohim, sei tutto in tutti,
ogni giorno parla di Te!
Oh Elohim, sei tutto in tutti,
ogni giorno parla di Te!

Parla di Te!  Parla di Te!  Parla di Te!
Appena è giorno, nessuno mi aspetta,
rumore di viaggio, filo di voci;
vedo un giornale aperto dietro un vetro,

passi di gente, un panino un vino…
La pioggia, corre forte,
dietro quei vetri vedo due occhi;
respiro nell’aria l’autunno che vaga,

mentre una porta, mi chiude nel tempo…
Oh Elohim, sei tutto in tutti,
ogni giorno parla di Te!
Oh Elohim, sei tutto in tutti,

ogni giorno parla di Te!
Parla di te!  Parla di Te!  Parla di Te!

Commenti