Trucchi Pokémon Go

Archive for agosto, 2013

L’evoluzione degli smartphone

Anche se siamo ancora lontani dalla tecnologia che ci descrivono in certi film odierni, gran parte di ciò che è stato mostrato nei film di fantascienza del passato è divenuta realtà. Basta pensare ai dispositivi che c’erano in “ritorno al futuro”: solo la macchina del tempo rimane da inventare.

Chi avrebbe detto 20 anni fa che avremmo potuto comunicare tramite dei dispositivi che funzionano al tocco, sia via voce che via rete. La rete alcuni anni fa non esisteva nemmeno ed oggi connette miliardi di persone che possono scambiarsi informazioni in un batter d’occhio. Molti dispoditivi tradizionali oggi sono divenuti senza fili e le comunicazioni non passano quasi più dentro ai cavi elettrici, o almeno non lo fanno per la maggior parte del loro viaggio. Dalla scopera e applicazione delle onde elettromagnetiche in poi la comunicazione ha subito un’evoluzione incredibile!

Questa tecnologia non ha più ormai un ruolo da protagonista dell’utilità ma anche da protagonista dell’aspetto ludico e di intrattenimento. Ormai gli smartphone hanno applicazioni che sostanzialmente non servono ad altro se non a farci divertire, a creare rete, a rafforzare le nostre connessioni e ad ampliare le nostre conoscenze personali. Un uomo del medioevo conosceva a malapena poche decide/centinaia di persone nella propria vita e in tutta la sua esistenza non entrava in contatto nemmeno con le informazioni che invece abbiamo a disposizione noi in un solo giorno.

Dall’aspetto professionale a quello culturale a quello ludico, oggi con un piccolo oggetto in tasca possiamo muovere somme di denaro, prendere decisioni, confrontare le nostre idee con un’altra persona dall’altra parte del mondo.

Nonostante questo, la diffusione di questi dispositivi che chiamiamo Smartphone viaggia su un vettore che è quello ludico e sociale: basta osservare quante volte vengono scaricate applicazioni e giochi come ad esempio Pou, quella specie di tamagotchi che sta riscuotendo un successo incredibile sia nei più piccoli che nei più grandi.

Clicca qui per approfondire quest’ultimo aspetto.

Commenti